Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si faceva passare le risposte di procedura civile con l'auricolare

ESAME CON IL SUGGERITORE, DENUNCIATA STUDENTESSA DEL BO

Si indaga su un caso analogo anche a Giurisprudenza a Treviso


PADOVA - Si faceva suggerire le risposte dell'esame grazie ad un microauricolare e ad un sofisticato sistema di collegamento. A tradire una studentessa, durante un appello di procedura civile alla facoltà di giurisprudenza di Padova, il tasto del vivavoce premuto per errore. Ed è così arrivata la Polizia: la ragazza, 25 anni veneta, è stata denunciata per alterazione di una prova d'esame. Nei guai pure il suggeritore, anche lui 25enne, accusato di falso ideologico, truffa e violazione della legge sul plagio. Per l'aiuto illecito si sarebbe fatto pagare 50 euro. A portare in luce il sisteme ed incastrare i due, sarebbero state anche le segnalazioni di alcuni compagni di corso.
“Aspettiamo che la Procura svolga le indagini su quanto successo e poi, oltre alle eventuali conseguenze penali, porteremo il caso davanti alla Commissione disciplinare d'Ateneo" spiega Daniela Mapelli, prorettore alla Didattica dell'ateneo patavino. Le indagini, intanto, continuano perchè non si tratterebbe di un episodio isolato: nei mesi scorsi erano già stati inviati due esposti in Procura e ci sono ombre anche su un caso analogo avvenuto a Treviso.