Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/152: IN SUDAFRICA, EDO MOLINARI TRA I PROTAGONISTI

Nella tappa "australe" dell'European Tour si impone l'inglese Storm


Edoardo Molinari, Nino Bertasio e il dilettante romano Philip Geerts, sono gli azzurri impegnati nel torneo BMW South African Open dell’European Tour, combinato con il Sunshine Tour, in atto dal 12 al 15 gennaio. Il Campo di gioco è il Glendower (par 72) di City of Ekurhuleni. Il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/151: GLI AZZURRI ALLA QUALIFICAZIONE PER IL TOUR ASIATICO

Alle Hawaii via al Pga: nel torneo dei campioni comanda Justin Thomas


Due interessanti manifestazioni in questi giorni, alle Hawaii e in Tailandia: mentre la PGA americana dà il via al torneo riservato ai vincitori della scorsa stagione che segna anche l’inizio del Tour statunitense, gli azzurri Alessandro Tadini (piemontese) e Aron Zemmer (ventiseienne...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/150: IL BILANCIO AZZURRO DI UN ANNO SUI GREEN

Francesco Molinari ancora troppo solo e 4 nuove proette nel Tour


TREVISO - Ha ricevuto pennellate di azzurro da parte dei nostri giocatori, il mondo del professionismo nel 2016; si sono registrati ottimi risultati: di spicco, al consuntivo dell’annata, il trionfo di Francesco Molinari nel 73° Open d’Italia. Altrettanto bene si può dire per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Approvato dall'assemblea il bilancio della bcc di Monastier

MONSILE, NEL 2015 RACCOLTA OLTRE QUOTA UN MILIARDO DI EURO

Il presidente Canal: "Utile ad 1,5 milioni, obiettivi raggiunti"


MONASTIER - Approvato all'unanimità il bilancio di esercizio 2015 Banca di Monastier e del Sile Credito Cooperativo. L'assemblea dei soci si è riunita ieri, domenica 22 maggio presso l'auditorium di Cà Tron di Roncade.

“Un bilancio positivo, nonostante il perdurare degli effetti della crisi congiunturale, – ha commentato il presidente della Bcc, Renzo Canal – ma soprattutto un bilancio frutto di una politica di ristrutturazione e di equilibrata prudenza, di ripresa dello sviluppo e della “vicinanza” alle famiglie e alle imprese, voluta dal Consiglio di amministrazione ed attuata dal direttore generale Arturo Miotto con tutto il personale della struttura. Le azioni e gli obiettivi che la banca si era prefissata sono stati raggiunti, in particolare l’utile netto di esercizio si attesta a 1,5 milioni di euro. Un dato che comunque va letto insieme a quello degli accantonamenti per rischi su crediti, che si attesta ad oltre 19 milioni di euro”.

“Si tratta di un buon risultato – ha aggiunto il direttore generale, Arturo Miotto - ispirato sempre a criteri di equilibrio e di prudenza, per bilanciare quanto la banca ha dato al territorio e che il territorio stesso, per effetto della crisi, fatica a restituire. E poiché negli anni precedenti la banca ha dato di più rispetto in proporzione agli altri, oggi deve accantonare di più. La coraggiosa azione intrapresa dal 2014 consentirà di ridurre sensibilmente i fattori di rischio futuri insiti nel portafoglio crediti, permetterà di ripristinare le condizioni di efficienza e soprattutto il mantenimento di una realtà bancaria locale vicina al territorio”.

La Banca di Monastier e del Sile opera nel territorio attraverso 25 sportelli (oltre a due Atm autonomi), distribuiti nelle province di Treviso e Venezia, che servono complessivamente 46 comuni.
Rimangono solidi i principali profili di redditività, come dimostra il margine di interesse cresciuto oltre il 5% rispetto al 2014 e lo sviluppo delle commissioni nette che hanno consentito di consolidare il margine di intermediazione giunto a 45 milioni di euro, con un progresso vicino al 15% sull’analogo risultato del 2014.
I principali dati patrimoniali di bilancio evidenziano impieghi verso la clientela a quota 785 milioni di euro, la raccolta diretta ha toccato 803 milioni, mentre la raccolta indiretta è salita a 237 milioni, portando la raccolta complessiva a 1,04 miliardi.
I principali indicatori di patrimonializzazione si collocano ben al di sopra del minimo regolamentare stabilito dal Comitato di Basilea.