Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica sul mondo golfistico con Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/121: IL TORNEO AIGG DIAVOLINA FA TAPPA IN PIEMONTE

I giornalisti si sfidano a Cavaglià e a Biella


TREVISO - In terra piemontese la quinta e sesta tappa del calendario AIGG, sono state ospitate in due realtà particolarmente espressive: il Golf Club Cavaglià e Il Golf “Le Betulle” di Biella. Due Campi che nell’ambito pur considerevole dei Golf piemontesi, spiccano per brillantezza. Su “Le Betulle” ho già avuto l’opportunità di intrattenere gli ascoltatori di RadioVenetoUno, in quanto per molti anni ha avuto il riconoscimento del più bel Campo d’Italia, e per quanto sia difficile stabilire in assoluto quale sia il migliore, si può tranquillamente pensare che quanto meno sia tra i migliori. Il Golf Cavaglià non lo conoscevo, è stata una sorpresa. All’arrivo rimani bene impressionato dalla gradevole accoglienza del “UNA Golf Hotel”, in una sistemazione essenziale, moderna, discreta, totalmente confortevole. Altrettanto colpisce la Club House, al suo interno la “Rossocuoco Steak House”, punto di riferimento per chi ama la carne alla brace preparata nella tipicità americana: ottima Fassona piemontese e Angus che giornalmente arriva dall’America. La nascita del Campo a Cavaglià: Nel ’98 le iniziali sei buche, nel ’99 divengono nove con doppie partenze, nel 2001 altre sei buche executive, nel 2015, messi a punto e unificati i vari percorsi dall’architetto Giorgio Ferraris, c’è l’inaugurazione delle attuali 18. Aspettiamoci dell’altro. Ho pensato che quel Club, un tutt’uno con “Una Golf Hotel” di cui è parte, è destinato a divenire una realtà importante. Inserito in un paesaggio ai piedi delle montagne biellesi, è Campo non lungo, 18 buche Par 68 di mt 4.600. Percorrerlo, ti affascina per il suo bel disegno inserito in una natura pura, pulita, dove antiche querce governano il resto del verde, smagliante in questa stagione. Non bisogna però prenderli sottogamba, quei molti Par Tre spesso insidiosi, pretendono concentrazione. Impegno serve anche per affrontare il Par 5 della 17, un dog-leg a dx. Il tee shot dovrà essere bello lungo, seppur non eccessivo, arrivare in posizione acconcia ad avere in vista il green, altrimenti vien voglia di tagliare il lago, e il risultato sarà molto incerto com’è successo a me.
Ma andiamo alle gare: Previsioni, pioggia certa. No, il tempo è stato clemente con noi, in entrambe le giornate sui due Campi, mentre intorno pioveva a dirotto.
Con CBA uguale a 0, ecco i risultati nel netto a Cavaglià: a vincere il premio di prima categoria è stato il valdostano Albert Tamietto (Gazzetta Matin) con 35 punti. Anche Gianni Piva (Repubblica) ne aveva fatti 35, ma Albert l’ha battuto, perché ha fatto meglio sulle seconde nove buche. In seconda categoria vittoria di Matteo Dore (Gazzetta dello Sport) con 34 punti. Ci sta prendendo gusto Matteo, ha rinnovato l’affermazione delle tappe in Veneto. I cucchiai di legno, assegnati a Luigi Tura e ad Andrea Ronchi (Golf & Turismo), che solitamente gioca bene: lo scorso anno aveva fornito buona prova nel titolo europeo a squadre. Così è il Golf! Il Lordo, appannaggio di Benito Russo (Freelance), grazie a uno score di 29 punti.
Un lungo speciale mestolo logato è andato a Ivan Lantos (Orientexpress), il re dei cucchiai di legno, per benemerenze acquisite nelle battaglie AIGG: in carriera ne ha conquistati 18. Al termine della premiazione, un nostro bel gesto: un contributo di 4mila euro elargiti all’associazione “Per andare oltre - Onlus”, e destinati a Verena Vidoli, in carrozzella, presente con la sua mamma. Non aveva mai visto un Campo da Golf, e ha voluto toccarne l’erba.
Il dì seguente, in marcia, verso là dove si chiude la Serra Morenica, per arrivare a gustar le meraviglie del Golf Biella, l’autorevole “Le Betulle”, che nonostante la forte pioggia caduta nella notte si presentava in ottime condizioni. Qui, Albert Tamietto si è di nuovo imposto in prima categoria con 32 punti, e come ieri, ha surclassato due giocatori, Roberto Lanza (Eco di Biella) e Paolo Pacciani (Gazzetta di Parma), che con il medesimo punteggio, lo hanno contrastato tutta la gara, ma gli hanno permesso di giocare meglio le seconde nove. In 2° Categoria si è imposto Giorgio Piccaia (Artslife.com) con 34 punti, il lordo lo ha conquistato Roberto Roversi (Professione Golf Club) con 19 punti. I cucchiai di legno a Nicola Bonafini (Il Giornale di Reggio) e ahimè a Paolo Pilla (RadioVenetoUno). Ai premi, in entrambi i Circoli, si sono aggiunti i graditi gadget Diavolina, che Giusy Lantos, con la sua abituale simpatia, ha elargito in generosità. E ancora, Francesco Putzolu e Luigi Cardin, in rappresentanza di Domina Vacanze, han messo in palio, e assegnati a estrazione, quattro soggiorni presso l’hotel Domina Coral Bay Zagarella, in Sicilia, in quel promontorio che si affaccia sul Tirreno palermitano che ha per avamposto il Castello di Solanto. Il prossimo appuntamento AIGG a Grad Mokrice, per il torneo di Golf Italia-Slovenia.
Paolo Pilla