Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/152: IN SUDAFRICA, EDO MOLINARI TRA I PROTAGONISTI

Nella tappa "australe" dell'European Tour si impone l'inglese Storm


Edoardo Molinari, Nino Bertasio e il dilettante romano Philip Geerts, sono gli azzurri impegnati nel torneo BMW South African Open dell’European Tour, combinato con il Sunshine Tour, in atto dal 12 al 15 gennaio. Il Campo di gioco è il Glendower (par 72) di City of Ekurhuleni. Il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/151: GLI AZZURRI ALLA QUALIFICAZIONE PER IL TOUR ASIATICO

Alle Hawaii via al Pga: nel torneo dei campioni comanda Justin Thomas


Due interessanti manifestazioni in questi giorni, alle Hawaii e in Tailandia: mentre la PGA americana dà il via al torneo riservato ai vincitori della scorsa stagione che segna anche l’inizio del Tour statunitense, gli azzurri Alessandro Tadini (piemontese) e Aron Zemmer (ventiseienne...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/150: IL BILANCIO AZZURRO DI UN ANNO SUI GREEN

Francesco Molinari ancora troppo solo e 4 nuove proette nel Tour


TREVISO - Ha ricevuto pennellate di azzurro da parte dei nostri giocatori, il mondo del professionismo nel 2016; si sono registrati ottimi risultati: di spicco, al consuntivo dell’annata, il trionfo di Francesco Molinari nel 73° Open d’Italia. Altrettanto bene si può dire per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il patron Zago: "Ulteriore passo per diventare un operatore europeo"

PRO-GEST COLLOCA BOND PER 61 MILIONI DI EURO

Le risorse finalizzate al rilancio della cartiera di Mantova


ISTRANA - Il Gruppo Pro-Gest, leader in Italia nel settore della produzione di carta, cartone e imballaggi, ha emesso due presiti obbligazionari collocati in private placement per un totale di 61 milioni di euro. Le obbligazioni hanno una durata di 7 anni a tasso fisso e senza garanzie. Il prestito è stato collocato, in brevissimo tempo, a primari investitori professionali italiani ed esteri.
L’emissione è finalizzata al completamento dell’investimento per i lavori di trasformazione della nuova Cartiera di Mantova. Questa operazione garantirà infatti la continuità dell’impegno finanziario – già avviato da Pro-Gest - per affrontare in totale sicurezza e serenità la riqualificazione dell’impianto produttivo fino alla sua riattivazione. Lo scorso anno erano stati emessi bond per complessivi 30 milioni.
"L’interesse dimostrato dagli investitori – dichiara Bruno Zago, amministratore Delegato del Gruppo Pro-Gest – insieme alla velocità del collocamento, sono per noi segnali di conferma del valore e della solidità che il mercato riconosce al nostro gruppo. Questo tipo di finanziamento è esclusivamente finalizzato agli investimenti produttivi relativi al nostro core business. Pro-Gest, nel presentare il piano industriale 2016-2018, si è posto l’obiettivo di crescere per diventare un player europeo a tutti gli effetti e questo collocamento è un ulteriore passo per rendere più rapido questo percorso".
"Il progetto relativo alla Cartiera di Mantova – prosegue Zago – è per noi di importanza strategica. L’intenzione è quella di dotarla della migliore tecnologia per la produzione di carta per ondulatori che rappresenta, a livello internazionale, il settore con le migliori performance di crescita. Il nostro obiettivo è quello di fare di Mantova un impianto altamente competitivo in grado di renderci meno dipendenti dalle importazioni e, anzi, capaci di competere con i mercati dei paesi limitrofi con carte qualitativamente eccellenti".
"Ci auguriamo - conclude l’amministratore delegato di Pro-Gest - che la fiducia attestata dagli investitori nel sottoscrivere le nostre obbligazioni siano elemento di ulteriore garanzia della nostra serietà anche nei confronti degli interlocutori mantovani con cui stiamo lavorando al fine di giungere, nel più breve tempo possibile, al riavvio dell’impianto".
Il gruppo è stato supportato nell’operazione in qualità di advisor dal team di Kon Group diretto da Fabrizio Bencini e Matteo Mancaruso e per la parte legale dallo studio Orrick.