Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Cisl chiede maggiori controlli: "Coprono il nero"

VOUCHER, SETTE VOLTE IN PIÙ DAL 2012 NELLA MARCA

Nel 2015 usati quasi 2,7 milioni di buoni-lavoro in provincia


TREVISO - E' sempre più boom voucher nella Marca. Nel 2015, in provincia di Treviso, sono stati staccati poco meno di 2,8 milioni di buoni-lavoro, secondo maggior quantitativo dopo Verona, sui 15 milioni totali del Veneto. Ma soprattutto il numero di voucher venduti è aumentato di sette volte dal 2012, quando erano stati circa 380mila, ad oggi. Una crescita superiore alla media regionale, quintuplicata. I lavoratori trevigiani remunerati con voucher, l'anno scorso, sono stati circa 31mila, pari ad uno ogni nove lavoratori dipendenti. In questo caso l'aumento ammonta a sei volte in quattro anni, a fronte di un dato veneto che è “solo” triplicato.
La maggior parte dei voucher, quasi un milione e mezzo, è utilizzata in varie attività, comprese l'industria e l'artigianato. Altro settori di larga diffusione sono il commercio, con quasi 417mila buoni in un anno, e il turismo, con 244mila. Oltre all'agricoltura, dove proprio nella Marca venne sperimentato il sistema, soprattutto per mettere in regola gli addetti della vendemmia: qui si sfiorano i 208mila buoni in un anno, pari al 7,5% del totale, quasi il doppio dell'incidenza regionale.
Il quadro dell'utilizzo di questi strumenti è stato tracciato dalla Cisl. Più conveniente dal punto di vista fiscale e contributivo per i datori di lavoro, la formula, tuttavia, rischia di avere pesanti conseguenze sul futuro dei lavoratori: secondo le stime del sindacato, un addetto pagato in prevalenza a voucher avrebbe bisogno di 126 anni e mezzo per maturare i requisiti per la pensione minima. L'organizzazione ha lanciato la campagna “Stop voucher!”, per porre l'attenzione sull'abuso di questo meccanismo di retribuzione. “Le finalità dei voucher sono state snaturate – denuncia il segretario geneale della Cisl Veneto, Onofrio Rota - e i buoni lavoro che tra il 2008 ed il 2011 avevano permesso di regolarizzare piccole prestazioni occasionali, come la vendemmia e la raccolta della frutta, che occupavano per qualche giorno studenti e pensionati oppure la distribuzione di volantini pubblicitari, si sono trasformati in uno strumento per coprire il lavoro nero e hanno incentivato la frammentazione dei rapporti di lavoro”
La Cisl ha attivato anche il numero verde 800 995 035 a cui i lavoratori pagati in voucher potranno raccontare la loro esperienza in piena riservatezza. Il dossier così creato verrà poi inviato al ministero del lavoro, alla Regione e all'Inps.
Questi numeri - ha commentato il segretario generale della Cisl Belluno Treviso Franco Lorenzon - fanno capire che i voucher si sono rapidamente trasformati in nuovi strumenti di sfruttamento dei lavoratori precari e luogo di evasione contributiva e fiscale. Al Governo chiediamo il ripristino del concetto di 'occasionalità' cancellato dalla riforma Fornero, il monitoraggio permanente sull'utilizzo, l'innalzamento della quota dei contributi previdenziali al 27% e la tracciabilità"

Galleria fotograficaGalleria fotografica