Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
CAMPI DA GOLF/15: GOLF CLUB PUNTA ALA

Sulla costa della Maremma un percorso impegnativo e spettacolare


PUNTA ALA - Da sempre la Toscana è conosciuta per essere una splendida regione. Si arriva in Maremma, e la cosa ha, per certi aspetti, una connotazione ancora maggiore. A sud del golfo di Follonica troviamo Castiglione della Pescaia, e subito si arriva a Punta Ala, un tempo chiamata...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: ╚ GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Cisl chiede maggiori controlli: "Coprono il nero"

VOUCHER, SETTE VOLTE IN PI┘ DAL 2012 NELLA MARCA

Nel 2015 usati quasi 2,7 milioni di buoni-lavoro in provincia


TREVISO - E' sempre più boom voucher nella Marca. Nel 2015, in provincia di Treviso, sono stati staccati poco meno di 2,8 milioni di buoni-lavoro, secondo maggior quantitativo dopo Verona, sui 15 milioni totali del Veneto. Ma soprattutto il numero di voucher venduti è aumentato di sette volte dal 2012, quando erano stati circa 380mila, ad oggi. Una crescita superiore alla media regionale, quintuplicata. I lavoratori trevigiani remunerati con voucher, l'anno scorso, sono stati circa 31mila, pari ad uno ogni nove lavoratori dipendenti. In questo caso l'aumento ammonta a sei volte in quattro anni, a fronte di un dato veneto che è “solo” triplicato.
La maggior parte dei voucher, quasi un milione e mezzo, è utilizzata in varie attività, comprese l'industria e l'artigianato. Altro settori di larga diffusione sono il commercio, con quasi 417mila buoni in un anno, e il turismo, con 244mila. Oltre all'agricoltura, dove proprio nella Marca venne sperimentato il sistema, soprattutto per mettere in regola gli addetti della vendemmia: qui si sfiorano i 208mila buoni in un anno, pari al 7,5% del totale, quasi il doppio dell'incidenza regionale.
Il quadro dell'utilizzo di questi strumenti è stato tracciato dalla Cisl. Più conveniente dal punto di vista fiscale e contributivo per i datori di lavoro, la formula, tuttavia, rischia di avere pesanti conseguenze sul futuro dei lavoratori: secondo le stime del sindacato, un addetto pagato in prevalenza a voucher avrebbe bisogno di 126 anni e mezzo per maturare i requisiti per la pensione minima. L'organizzazione ha lanciato la campagna “Stop voucher!”, per porre l'attenzione sull'abuso di questo meccanismo di retribuzione. “Le finalità dei voucher sono state snaturate – denuncia il segretario geneale della Cisl Veneto, Onofrio Rota - e i buoni lavoro che tra il 2008 ed il 2011 avevano permesso di regolarizzare piccole prestazioni occasionali, come la vendemmia e la raccolta della frutta, che occupavano per qualche giorno studenti e pensionati oppure la distribuzione di volantini pubblicitari, si sono trasformati in uno strumento per coprire il lavoro nero e hanno incentivato la frammentazione dei rapporti di lavoro”
La Cisl ha attivato anche il numero verde 800 995 035 a cui i lavoratori pagati in voucher potranno raccontare la loro esperienza in piena riservatezza. Il dossier così creato verrà poi inviato al ministero del lavoro, alla Regione e all'Inps.
Questi numeri - ha commentato il segretario generale della Cisl Belluno Treviso Franco Lorenzon - fanno capire che i voucher si sono rapidamente trasformati in nuovi strumenti di sfruttamento dei lavoratori precari e luogo di evasione contributiva e fiscale. Al Governo chiediamo il ripristino del concetto di 'occasionalità' cancellato dalla riforma Fornero, il monitoraggio permanente sull'utilizzo, l'innalzamento della quota dei contributi previdenziali al 27% e la tracciabilità"

Galleria fotograficaGalleria fotografica