Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ubi e Benetton: "Non ci interessa il gruppo montebellunese"

VENETO BANCA, LUNEDÌ SI SAPRÀ IL VALORE DELLE AZIONI

Il cda dovrebbe stabilire la forchetta per l'aumento


MONTEBELLUNA - Lunedì dovrebbe essere più chiaro il possibile valore attuale delle azioni di Veneto Banca. In quella data, al termine del pre-marketing, il consiglio di amminstrazione del gruppo montebellunese dovrebbe fissare la cosiddetta forchetta di prezzo per l'aumento da un miliardo, a servizio dell'Offerta pubblica iniziale e della successiva quotazione in Borsa.. Secondo indiscrizioni, giovedì, dopo cinque giorni di sondaggi, sarebbero stati incontrati circa 250 investitori, in prevalenza fondi tradizionali hedge fund. Allo stato attuale, viene precisato, è ancora difficile prevedere quanti dei contatti poi trasformeranno in manifestazioni d'interesse
In particolare molti investitori hanno espresso sia commenti positivi che dubbi legati alla mole dei crediti deteriorati, alla bassa redditività e al calo dei depositi, così come sottolineato dalle stesse banche del consorzio di garanzia nelle ricerche pubblicate per il pre-marketing. Tra le criticità ci sono poi le stime del piano messo a punto dal direttore generale (ed ex amministratore delegato) Cristiano Carrus, che prevede un utile di 152 milioni al 2018 e di 249 milioni al 2020. I più scettici sono gli analisti di Citi che stimano un utile al 2018 di soli 56 milioni (-63%). Tra i 'pro', invece, sia Banca Imi che Citi hanno fatto leva sul 'jolly' del consolidamento. Veneto Banca, infatti, per l'investment bank di Intesa Sanpaolo (capofila dell'operazione), è un candidato potenziale nel risiko grazie alla forte presenza in zone attraenti e allo spazio per potenziali sinergie.
Tra i possibili investitori, si chiama fuori Ubi Banca. In merito alle voci che parlano di un possibile intervento nell'aumento di capitale dell'istituto di Montebelluna, il gruppo bergamasco ribadisc in una nota “che non vi è alcun dossier aperto riferito a Veneto Banca”.
Ed anche Gilberto Benetton ha smentito qualsiasi interesse al risiko bancario veneto da parte di Edizione, la holding di partecipazioni della famiglia di Ponzano: “Non siamo stati contattati”, né da Veneto Banca, né da Popolare di Vicenza, ha spiegato Benetton, a margine dell'assemblea di Autogrill, altra controllata del gruppo trevigiano. “Se lo fossimo diremmo no – ha aggiunto -. Non è chiaro il futuro in questo mondo qua. Non ci pensiamo proprio”. Per il futuro Edizione, ha precisato il presidente, guarda verso investimenti “in società buone ed internazionali”.