Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Appello del presidente Paolo Pini agli imprenditori della Marca

SOS DEL TREVISO: "IMPRESE TREVIGIANE DOVE SIETE?"

Contatti avviati con un gruppo proveniente da Roma


TREVISO - Il Calcio Treviso lancia un appello agli imprenditori della Marca: aiutateci. La società biancoceleste ha bisogno urgente di aiuti economici se vorrà partire la prossima stagione con le stesse ambizioni di quest'anno, cioè la promozione in D, altrimenti sarà al massimo un campionato di sopravvivenza. Dice il presidente Paolo Pini: "Ciò che stupisce è sempre questa cronica indifferenza dell’imprenditoria trevigiana nei confronti del calcio cittadino-esclama il presidente Paolo Pini-allora la nostra è una vera e propria chiamata alle armi: chiunque abbia intenzione di darci un aiuto noi siamo qua: porte aperte a tutti. Abbiamo questo gruppo romano, ma ce ne sono anche altri, sempre da fuori Treviso, con il quale è stata iniziata una trattativa e dal quale attendiamo una risposta in tempi brevi, diciamo in una decina di giorni. Garantisco che è tutta gente che sa di calcio, affidabile. Il messaggio alla tifoseria è che non stiamo con le mani in mano, però abbiamo bisogno di qualcun altro, di forze fresche che entrino in società. A quel punto noi potremmo anche fare un passo indietro, non è quello il problema. E con il Comune abbiamo un rapporto ottimale." C'è da dire che Pini ha anche rivelato la possibilità di entrata in società di un gruppo romani, i cui contatti sarebbero già bene avviati.
Intanto, dopo la partenza di Carlo Casagrande, c’è da trovare un diesse che costruisca la rosa e lo staff tecnico: con 7-8 giocatori di quest’anno c’è un accordo sulla parola. "Chiediamo solo una condizione: che chi entra fornisca adeguate garanzie finanziarie, cioè una solida fidejussione con garanzia, ma non ne facciamo una questione di cifre", aggiunge il diggì Bruno Gemin.