Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/244: AUSTRALIA E SUD AFRICA OPEN, DEBACLE AZZURRA

Italiani sottotono negli ultimi due tornei prima delle festivitā


TREVISO - Due tornei di rilievo dell’European Tour, prima di una breve pausa.  Ad Albany, New Providence, organizzato in combinata tra European Tour e PGA of Australia, si è giocato l’Isps Anda. sul percorso del Royal Pines (par 72) a Benowa, nel Queensland. Montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nelle ultime tre stagioni ha giocato in Francia e in Inghilterra

TOMMASO BENVENUTI TORNA A CASA PER RILANCIARSI

Il 25enne centro rientra al Benetton dove č cresciuto


TREVISO - Altro rientro dall'estero per il Benetton Treviso. E stavolta è, davvero, un ritorno a casa: il club della Ghirada ha ufficializzato per la prossima stagione di Tommaso Benvenuti.
Il talentuoso classe 1990 (1,86 m x 95 kg) di Vittorio Veneto, cresciuto nel Mogliano Rugby sino a tredici anni, entra a far parte delle giovanili biancoverdi nel 2004.
Trequarti versatile, capace di coprire i ruoli sia di centro che di ala, fa il suo esordio con la prima squadra del Benetton Rugby nella stagione 2009-10 in Super 10 al termine della quale vince il titolo di campione d’Italia collezionando 8 presenze e 25 punti. L’anno successivo nonostante la giovane età è tra i titolari della formazione biancoverde che debutta in Celtic League. Al termine della stagione 2012/2013 con 49 presenze e 68 punti realizzati lascia Treviso per andare a giocare in Top 14, massimo campionato francese, con la maglia del Perpignan, squadra sette volte campione di Francia che oggi milita in PRO D2. Infine nella stagione 2014/2015 Benvenuti passa al Bristol Rugby, squadra con cui pochi giorni fa ha ottenuto la promozione nell’Aviva Premiership.
Inoltre Benvenuti conta ad oggi 34 caps con la maglia della nazionale italiana. Il suo percorso Azzurro parte dall’U17 sino all’Italia “A”, con cui ha giocato nell’autunno del 2009 prima di tornare, nell’inverno del 2010 a rappresentare la Nazionale U20 con cui ha vinto, con i gradi di capitano, l’Europeo FIRA ed il Junior World Rugby Trophy. Fa il suo esordio con la nazionale maggiore nell’autunno del 2010 giocando da titolare contro Argentina ed Australia ed entrando nella ripresa del match vinto a Modena contro le Fiji. Successivamente viene confermato nel gruppo azzurro per il 6 Nazioni 2011, in cui è stato titolare nella storica vittoria di Roma contro la Francia. Ha preso parte al Mondiale 2011 in Nuova Zelanda, alternandosi tra il ruolo e di ala e quello di centro, posizione in cui il CT Brunel lo ha utilizzato nel Sei Nazioni 2012. Infine ha partecipato al 6 Nazioni 2013 ed all’ultimo Mondiale tenutosi lo scorso anno in Inghilterra.
“Sono cresciuto a Treviso e non posso che essere contento di ritornare, speravo di farlo. Il Benetton è sempre stato un grande club, forse in queste ultime stagioni non è stato molto fortunato ma torno anche per poter dare una mano al club e riportarlo nelle posizioni che merita.
L’esperienza all’estero è stata molto utile, mi ha permesso di conoscere nuovi ambienti e diversi modi di interpretare il rugby, una bella sfida ma anche molto formativa”.