Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/216: LA CINA ╚ VICINA ANCHE SUL GREEN

A Pechino, lo svedese Bjork supera Otaegui


TREVISO - Ed ecco l’Open di questo Paese fino a ieri tanto lontano da noi, e che oggi, in quanto a Golf e non solo, si sta portando in pole position nel mondo.Il Volvo China Open, torneo dell’European Tour che si avvale dell’organizzazione dell’Asian Tour, si gioca al Topwin...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/215: ALLA MONTECCHIA VA IN SCENA IL BANCA GENERALI INVITATIONAL

Quarta tappa del circuito sponsorizzato dal gruppo bancario


SELVAZZANO DENTRO (PD) - In un ambiente speciale, la gara di golf 18 buche stableford, contrassegnata dall’esclusività e dal prestigio di “Banca Generali Private”. Era la quarta delle sette tappe del “Trofeo di golf area nord est” sponsorizzato da Banca...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/214: IL CHALLENGE AIGG RITORNA IN VENETO

Giornalisti golfisti impegnati a Frassanelle e al Colli Berici


PADOVA/VICENZA - Il Challenge dei Giornalisti Golfisti d’Italia 2018, dopo le giornate romane è arrivato in Veneto, nel padovano e nel vicentino. Abbiamo giocato in due particolarissimi Campi, ambientati in luoghi molto interessanti. Nella prima giornata abbiamo goduto della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Maltrattamenti per farsi dare i soldi per alcol e videopoker

BOTTE ALL'ANZIANA MADRE, FINISCE IN CARCERE

Un 36enne viola il divieto di avvicinarsi alla donna: arrestato


TREVISO - Era arrivato a picchiare l'anziana madre per spillarle denaro per giocare ai videopoker e comprare alcolici. E nonostante il divieto del giudice a non avvicinarsi all'abitazione, ha continuato a tormentare la donna. Un 36enne trevigiano, disoccupato, finirà in carcere per maltrattamenti in famiglia.
Era stata la stessa madre a denunciarlo lo scorso marzo, dopo l'ennesimo episodio di violenza, che l'aveva fatta finire al pronto soccorso. Il gip di Treviso aveva imposto all'uomo l'allontanamento alla casa familiare e il divieto di avvicinarsi alla persona offesa. Misure restrittive che il soggetto ha bellamente ignorato, tornando più volte ad assillare la donna, nel frattempo affidata alla cura di altri familiari.
La Procura della Repubblica, su segnalazione dei Carabinieri, ha dunque questo di rafforzare l'interdizione e il giudice ha disposto la custodia cautelare. I militari della stazione di Casale sul Sile hanno notificato il provvedimento al 36enne, in questi giorni ricoverato in ospedale per un problema di saluto: appena verrà dimesso, per lui si aprirà una cella della casa circondariale di Santa Bona.