Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
CAMPI DA GOLF/15: GOLF CLUB PUNTA ALA

Sulla costa della Maremma un percorso impegnativo e spettacolare


PUNTA ALA - Da sempre la Toscana è conosciuta per essere una splendida regione. Si arriva in Maremma, e la cosa ha, per certi aspetti, una connotazione ancora maggiore. A sud del golfo di Follonica troviamo Castiglione della Pescaia, e subito si arriva a Punta Ala, un tempo chiamata...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: ╚ GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Maltrattamenti per farsi dare i soldi per alcol e videopoker

BOTTE ALL'ANZIANA MADRE, FINISCE IN CARCERE

Un 36enne viola il divieto di avvicinarsi alla donna: arrestato


TREVISO - Era arrivato a picchiare l'anziana madre per spillarle denaro per giocare ai videopoker e comprare alcolici. E nonostante il divieto del giudice a non avvicinarsi all'abitazione, ha continuato a tormentare la donna. Un 36enne trevigiano, disoccupato, finirà in carcere per maltrattamenti in famiglia.
Era stata la stessa madre a denunciarlo lo scorso marzo, dopo l'ennesimo episodio di violenza, che l'aveva fatta finire al pronto soccorso. Il gip di Treviso aveva imposto all'uomo l'allontanamento alla casa familiare e il divieto di avvicinarsi alla persona offesa. Misure restrittive che il soggetto ha bellamente ignorato, tornando più volte ad assillare la donna, nel frattempo affidata alla cura di altri familiari.
La Procura della Repubblica, su segnalazione dei Carabinieri, ha dunque questo di rafforzare l'interdizione e il giudice ha disposto la custodia cautelare. I militari della stazione di Casale sul Sile hanno notificato il provvedimento al 36enne, in questi giorni ricoverato in ospedale per un problema di saluto: appena verrà dimesso, per lui si aprirà una cella della casa circondariale di Santa Bona.