Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/157: IN MALESIA TRIONFA IL "QUASI ITALIANO" ZANOTTI

Tra gli azzurri bene Manassero e Paratore, "tagliato" Molinari


Prova impegnativa, per Nino Bertasio, Edoardo Molinari, Renato Paratore e Matteo Manassero, gli azzurri impegnati al Saujana G&CC di Kuala Lumpur in Malesia, nel torneo dell’European Tour organizzato dal 9 al 12 febbraio in collaborazione con Asian Tour. In palio c’erano 2.810.000...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/156: SERGIO GARCIA ╚ IL MIGLIORE AL DESERT CLASSIC

A Dubai grandi nomi e... neve, delude Tiger Woods


DUBAI - Dal 2 al 5 febbraio, l’evento dell’European Tour che ha visto la partecipazione di Tiger Woods, e cui prendevano parte anche gli azzurri Matteo Manassero, Renato Paratore e Nino Bertasio. All’Emirates GC di Dubai Par 72. A difendere il titolo, era l’inglese Danny...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/155: I 25 ANNI DEL CLUB "I SALICI" DI TREVISO

Tra gli eventi per l'anniversario anche una Lousiana a due


TREVISO - Domenica 29 gennaio è partita la prima delle gare di corollario, al festeggio delle nozze d’argento che il Golf Club "I Salici" di Treviso celebra quest’anno: una gara di coppia, Louisiana a due. Ho avuto l’opportunità di partecipare anch’io, ed...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

61enne di Montebelluna disperato per aver perso migliaia di euro

SOCIO MINACCIA SUICIDIO NELLA SEDE DI VENETO BANCA

Entra nella direzione generale e vuole iniettarsi insulina


MONTEBELLUNA - Un azionista di Veneto Banca, disperato per i risparmi persi a causa del crollo delle azioni, ha tentato di suicidarsi nella sede centrale del gruppo montebellunese, a Signoressa, lungo la Feltrina. L'uomo, Claudio Fagan, 60 anni, di Montebbelluna, è riuscito ad entrare nel centro direzionale dell'istituto ed ha raggiunto il quarto piano del complesso, dove sono situati gli uffici della direzione generale. Ha chiesto più volte di essere ricevuto dal direttore generale Cristiano Carrus, ma non avendo ottenuto di parlargli ha minacciato di iniettarsi una fiala di insulina con una siringa che aveva con sè: l'intervento del personale e dei carabinieri, nel frattempo allertati e giunti sul posto, l'ha bloccarlo. Alla base dell'insano gesto, le ingenti perdite subite da lui stesso e dai familiari -  svariate decine di migliaia di euro secondo la sua testimonianza - per il quasi totale azzeramento del valore delle azioni dell'ex popolare trevigiana.

SPORTELLO PER I SOCI PIU' IN DIFFICOLTA'
Stefano Ambrosini, con un comunicato si è detto "profondamente colpito dall’accaduto" ed ha espresso "la solidarietà propria e di tutto il Consiglio di amministrazione al signor Fagan e ai suoi familiari, e ringrazia i dirigenti e i dipendenti della banca per la gestione del difficile frangente, nonché le Forze dell’Ordine per il pronto intervento". "Alla luce della moltitudine dei casi che hanno drammaticamente coinvolto una parte importante dei clienti della Banca, il Presidente annuncia che – previa verifica della compatibilità tecnica – proporrà al Consiglio l’istituzione di uno “sportello” di assistenza (non solo giuridica) per affrontare i casi umani più gravi”.