Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/216: LA CINA È VICINA ANCHE SUL GREEN

A Pechino, lo svedese Bjork supera Otaegui


TREVISO - Ed ecco l’Open di questo Paese fino a ieri tanto lontano da noi, e che oggi, in quanto a Golf e non solo, si sta portando in pole position nel mondo.Il Volvo China Open, torneo dell’European Tour che si avvale dell’organizzazione dell’Asian Tour, si gioca al Topwin...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/215: ALLA MONTECCHIA VA IN SCENA IL BANCA GENERALI INVITATIONAL

Quarta tappa del circuito sponsorizzato dal gruppo bancario


SELVAZZANO DENTRO (PD) - In un ambiente speciale, la gara di golf 18 buche stableford, contrassegnata dall’esclusività e dal prestigio di “Banca Generali Private”. Era la quarta delle sette tappe del “Trofeo di golf area nord est” sponsorizzato da Banca...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/214: IL CHALLENGE AIGG RITORNA IN VENETO

Giornalisti golfisti impegnati a Frassanelle e al Colli Berici


PADOVA/VICENZA - Il Challenge dei Giornalisti Golfisti d’Italia 2018, dopo le giornate romane è arrivato in Veneto, nel padovano e nel vicentino. Abbiamo giocato in due particolarissimi Campi, ambientati in luoghi molto interessanti. Nella prima giornata abbiamo goduto della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La causa è un contenzioso sull'indennizzo dei terreni del Pip

ESPROPRI: FINANZE BLOCCATE AL COMUNE DI FARRA

Il sindaco Nardi: "Ci rimettono solo le fasce più deboli"


FARRA DI SOLIGO - Una vicenda a dir poco sconcertante: l'amministrazione comunale di Farra di Soligo non può più spendere un euro a causa dell'atto di pignoramento attuato nei confronti delle sue finanze per una vecchia vicenda, che risale alla fine degli anni 90, di indennizzi di espropri riguardo i territori interessati dal PIP. Le casse sono state completamente bloccate con ovvi disagi per la popolazione. Gli espropriati all'inizio sembravano potersi accordare con il comune sulla cifra del risarcimento, ma un decreto retroattivo del 2007 ha stabilito che il valore dei terreni espropriati è superiore a quanto stabilito in un primo momento. La conseguenza è stata la serie di ricorsi partiti contro il comune che di fatto hanno bloccato ogni possibilità di spesa dell'amministrazione: quindi nè opere pubbliche, nè assistenza o altro. "Un provvedimento che era nell'aria-commenta il sindaco di Farra, comune che conta 9 mila abitanti, Giuseppe Nardi-ma speravamo che in qualche modo si risolvesse; invece ora non abbiamo un euro a disposizione, almeno fino all'udienza del 20 giugno; fino a quel giorno non possiamo accudire gli anziani, non c'è l'assistenza domiciliare, la mensa della scuola materna chiuderà fra un paio di giorni, ci sono lavori bloccati per 800 mila euro alle scuole e la rete delle acque bianche. E ci sono fornitori da pagare per oltre 250 mila euro. Purtroppo ci rimettono sempre le fasce più deboli."