Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
CAMPI DA GOLF/15: GOLF CLUB PUNTA ALA

Sulla costa della Maremma un percorso impegnativo e spettacolare


PUNTA ALA - Da sempre la Toscana è conosciuta per essere una splendida regione. Si arriva in Maremma, e la cosa ha, per certi aspetti, una connotazione ancora maggiore. A sud del golfo di Follonica troviamo Castiglione della Pescaia, e subito si arriva a Punta Ala, un tempo chiamata...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: È GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Confartigianato: "Dopo tre anni di lotte ripristinata la legalità".

PICCOLA MOBILITÀ, L'INPS PAGHERÀ 1,5 MILIONI ALLE PMI TREVIGIANI

Gli sgravi per le assunzioni bloccati dalla riforma Fornero


TREVISO - E' giunta alla fine la travagliata vicenda della cosiddetta “piccola mobilità: l’Inps salderà le somme dovute alle imprese artigiane e alle pmi. A darne notizia è Confartigianato Marca Trevigiana. La vicenda solo nella provincia di Treviso coinvolge 500 aziende che hanno creato 700 posti di lavoro.
Grazie alle istruzioni diffuse l'8 giugno, dall’Istituto previdenziali le ditte artigiane e le piccole imprese potranno finalmente vedersi riconosciuti gli incentivi per le assunzioni di lavoratori iscritti alle liste di mobilità, dopo essere stati licenziati da altre imprese in crisi: 700 persone nella Marca, 3.200  in Veneto e 35mila in Italia. Si tratta di assunzioni o trasformazioni effettuate fino al 31 dicembre del 2012 che sforavano nel 2013 per naturale durata.
Ogni assunzione prevedeva un bonus del valore di 2.150 euro sul costo del lavoro per l’imprenditore che aveva inserito un nuovo dipendente nel proprio organico. Oggi l’incentivo verrà incassato sotto forma di sgravio contributivo su quanto dovuto mensilmente all’Inps.
La piccola mobilità era stata infelicemente soppressa dalla Legge Fornero con lo stop al  31 dicembre 2012 e il Ministero del Lavoro aveva dato indicazione all'Inps di bloccare, con l'improprio strumento della "circolare", gli incentivi a danno di tantissime  imprese che avevano assicurato un posto di lavoro con assunzioni effettuate entro il 31 dicembre 2012, in piena efficacia della normativa incentivante e che proseguivano anche nel 2013 e oltre. Sin dai primi mesi del 2013  Confartigianato Imprese Marca Trevigiana aveva denunciato la gravità della vicenda, in piena violazione dei più elementari principi di legge. Nelle legge di stabilità per il 2015 ( art.1 co.114 l.190/2014) è stato affermato il principio di risolvere la questione ma l’Inps , sino a ieri, non aveva mai dato indicazioni per restituire il dovuto alle imprese.  
“Ci sono voluti più di  3 anni di pressioni, ad ogni livello e in ogni sede – sottolinea il presidente provinciale di Confartigianato, Renzo Sartori -,  per ottenere il ripristino della legalità e la restituzione di oltre 1 milione e mezzo di euro alle ditte trevigiane. Grazie all’azione sindacale di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana oltre alle aziende che ne avevano fatto domanda, potranno beneficiarne anche quelle che, stante la perdurante incertezza, non l’avevano inoltrata”. Per queste ultime la scadenza del termine di presentazione è fissata al 31 luglio.