Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Lo spettacolo "Mamma li Turchi" giovedì 16 giugno, auditorium Stefanini

GLI ECOISTI INTERPELLANO IL PUBBLICO: IL TEATRO COME ESERCIZIO DI CITTADINANZA

Gli spettatori potranno trasformare l'epilogo di un fatto di cronaca


TREVISO - “Mamma li Turchi” si intitola lo spettacolo del collettivo di teatro di cittadinanza “Gli Ecoisti” previsto per giovedì 16 giugno 2016 alle 20:30 presso l’auditorium delle Scuole Stefanini Viale III Armata a Treviso.

Una performance di Teatro dell’Oppresso che si rifà al metodo dall’attore, drammaturgo e regista brasiliano Augusto Boal - che fu per un periodo anche parlamentare - ideato come “esercizio” al diritto di cittadinanza, con l’obiettivo di annullare una condizione di oppressione attraverso l’avvio di un processo democratico, partecipato.
“Gli spettatori presenti in sala potranno essere non solo spettatori passivi ma spett-attori attivi di un fatto di cronaca vera, di un episodio di aggressione verbale di stile xenofobo subita da una coppia di nostri concittadini per il solo fatto d’aver accolto nella loro casa sei richiedenti asilo. – spiega ai nostri microfoni Franco Tagliente coordinatore e “conduttore” del collettivo Gli Ecoisti - Il pubblico, se ne sentirà l’urgenza, potrà trasformare l’episodio dandogli un diverso svolgimento ed un diverso epilogo diventando protagonista di una forma teatrale di democrazia partecipata. Il fatto di cronaca verrà rappresentato una seconda volta così come il pubblico avrebbe preferito che si fosse svolto.”
Gli Ecoisti non seguiranno alcun copione ma solo un canovaccio ed al termine della rappresentazione Franco Tagliente interagirà con il pubblico per portare sul palcoscenico quegli spettatori che vorranno sostituirsi ad un attore o introducendo altri personaggi non previsti. Si esprimeranno non solo dicendo ma agendo e rappresenteranno una o più prospettive diverse.