Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Lo spettacolo "Mamma li Turchi" giovedì 16 giugno, auditorium Stefanini

GLI ECOISTI INTERPELLANO IL PUBBLICO: IL TEATRO COME ESERCIZIO DI CITTADINANZA

Gli spettatori potranno trasformare l'epilogo di un fatto di cronaca


TREVISO - “Mamma li Turchi” si intitola lo spettacolo del collettivo di teatro di cittadinanza “Gli Ecoisti” previsto per giovedì 16 giugno 2016 alle 20:30 presso l’auditorium delle Scuole Stefanini Viale III Armata a Treviso.

Una performance di Teatro dell’Oppresso che si rifà al metodo dall’attore, drammaturgo e regista brasiliano Augusto Boal - che fu per un periodo anche parlamentare - ideato come “esercizio” al diritto di cittadinanza, con l’obiettivo di annullare una condizione di oppressione attraverso l’avvio di un processo democratico, partecipato.
“Gli spettatori presenti in sala potranno essere non solo spettatori passivi ma spett-attori attivi di un fatto di cronaca vera, di un episodio di aggressione verbale di stile xenofobo subita da una coppia di nostri concittadini per il solo fatto d’aver accolto nella loro casa sei richiedenti asilo. – spiega ai nostri microfoni Franco Tagliente coordinatore e “conduttore” del collettivo Gli Ecoisti - Il pubblico, se ne sentirà l’urgenza, potrà trasformare l’episodio dandogli un diverso svolgimento ed un diverso epilogo diventando protagonista di una forma teatrale di democrazia partecipata. Il fatto di cronaca verrà rappresentato una seconda volta così come il pubblico avrebbe preferito che si fosse svolto.”
Gli Ecoisti non seguiranno alcun copione ma solo un canovaccio ed al termine della rappresentazione Franco Tagliente interagirà con il pubblico per portare sul palcoscenico quegli spettatori che vorranno sostituirsi ad un attore o introducendo altri personaggi non previsti. Si esprimeranno non solo dicendo ma agendo e rappresenteranno una o più prospettive diverse.