Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
CAMPI DA GOLF/15: GOLF CLUB PUNTA ALA

Sulla costa della Maremma un percorso impegnativo e spettacolare


PUNTA ALA - Da sempre la Toscana è conosciuta per essere una splendida regione. Si arriva in Maremma, e la cosa ha, per certi aspetti, una connotazione ancora maggiore. A sud del golfo di Follonica troviamo Castiglione della Pescaia, e subito si arriva a Punta Ala, un tempo chiamata...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: È GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Bernini: "Così si compromette la qualità dei servizi"

500 DIPENDENTI IN MENO, COMUNI A RISCHIO

L'allarme della Fp Cgil, mentre cresce la popolazione


TREVISO - Dal 2004 al 2014 la popolazione della Marca è aumentata di 57.533 abitanti, mentre il numero dei dipendenti dei Comuni è diminuito di 433. E, secondo le stime del sindacato, si arriverà a quasi 500 unità in meno entro la fine di quest'anno. Il rapporto tra dipendenti pubblici e residenti, che era di uno a 195, è salito a uno ogni 232.
A diffondere i dati è la Fp Cgil di Treviso. "E' evidente che l’incremento della popolazione amplifica le necessità di espandere e affinare i servizi - commenta il segretario provinciale Ivan Bernini - mentre nella realtà si verifica l’esatto opposto".
Andamento analogo, per i fondi di contrattazione e per quelli destinati ai premi di produttività: in dieci anni, nelle 95 amministrazioni municipali trevigiane, si sono ridotti rispettivamente di quasi 1,7 milioni e di oltre 203mila euro.
E la situazione è destinata a peggiorare a causa del blocco del turnover, che non consente di sostituire i pensionati, penalizzando anche comuni virtuosi. Duplice il rischio, secondo Bernini: da un lato l'impossibilità di rinnovare il personale con nuove figure professionali con competenze adeguate alle nuove esigenze e alle nuove modalità lavorative (si pensi, ad asempio, a tutto l'ambito informatico e tecnologico, ma anche quello dei bandi europei). Dall'altro, il progressivo affidamento all'esterno di servizi che i Comuni non riescono più a svolgere direttamente. "Un processo già in atto nei servizi per l'infanzia o nell'assistenza domiciliare, sempre più privatizzati - nota il segretario della Fp Cgil -, con la conseguenza che le tariffe inevitabilmente aumenteranno".
Bernini sollecita il rinnovo del contratto e la fine dei tagli lineari: "Per questo l’appello non va solo al Governo ma anche alla Regione Veneto - conclude - perché sia maggiormente incisiva rispetto alle politiche di aggregazione dei Comuni e alle istanze rappresentate al legislatore nazionale. Le Unioni e le Fusioni dei Comuni ormai sono una necessità”.