Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Operazione antidroga della Questura di Treviso a Marcon

MARIJUANA ED EROINA NASCOSTA FRA VINO E SALAMI

In manette un albanese ed un agricoltore


TREVISO - Importante operazione antidroga della Questura di Treviso coordonata dal dirigente Claudio Di Paola: il bilancio è il sequestro di 20 chili di marjiuana e mezzo chilo di eroina: lo stupefacente era nascosto nel frigorifero della cantina di un agricoltore di Marcon, tra bottiglie di vino e salami, ed era destinato allo spaccio nelle zone di Roncade, Casale e Silea. Il grossista era un albanese di 34 anni. Pedinando l'albanese la polizia ha fatto poi irruzione nell'abitazione dell'agricoltore: la droga ha un valore di circa 90.000 euro. Per l'agricoltore e l'albanese sono scattate le manette per violazione della legge sulla detenzione di sostanze stupefacenti. Entrambi sono rinchiusi nel carcere di Venezia. Sequestrati anche due fucili da caccia ed uno ad aria compressa, trovati nella casa dell'agricoltore, regolarmente detenuti dal padre dell'indagato.