Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Bruno Zago: "Regia occulta dietro a noi, solo chiacchiere"

INDAGINE SULL'AUMENTO DI CAPITALE DI VENETO BANCA

Controlli della Gdf, poi gli atti alla Procura di Roma


MONTEBELLUNA - L'aumento di capitale da un miliardo di Veneto Banca finisce sotto la lente della Consob e della Guardia di Finanza e non si esclude che a breve potrebbe approdare anche sul tavolo della magistratura romana che da oltre un anno sta indagando l'ex direttore generale, Vincenzo Consoli, e l'ex presidente, Flavio Trinca, per ostacolo alla vigilanza.
Notizie ricostruite da indiscrezioni di stampa e che hanno provocato non poche tensioni intorno all'operazione che sta per mandare in fumo risparmi per 5 miliardi di euro. Non a caso il neo-presidente dell'istituto, Stefano Ambrosini, è intervenuto per confermare di aver incontrato mercoledì il Procuratore capo della Repubblica di Roma, Giuseppe Pignatone, ma senza fargli richieste o sollecitazioni di alcun tipo, ne tantomeno per parlare delle indagini in corso. Un incontro, ha garantito, che ha «motivi esclusivamente istituzionali, con l'obiettivo di presentare i nuovi vertici della banca e ribadire la massima disponibilità a collaborare».
Nonostante ciò, però, intorno all'operazione c'è l'attenzione della Consob e della Gdf. Tra lunedì e mercoledì, infatti, il nucleo di polizia valutaria su richiesta della Commissione ha effettuato dei controlli nell'ambito della ricapitalizzazione nel quartier generale di Montebelluna e in altre sette agenzie della provincia di Treviso. Secondo alcune ricostruzioni queste attività potrebbero essere legate alle recenti dichiarazioni del presidente dell'associazione Per Veneto Banca, Bruno Zago, che aveva parlato di promesse di sottoscrizioni per un controvalore di 600 milioni.
Adesso, quindi, la parola sta alla Guardia di finanza che dovrà trasmettere a giorni i contenuti dei controlli al Pm di Roma, Maria Sabina Calabretta. La Procura dovrà valutare poi se allegare questa documentazione al fascicolo già aperto dal procuratore aggiunto Nello Rossi e dal sostituto procuratore Francesca Loi. Da piazzale Clodio, intanto, viene precisato che ad oggi non c'è nessun accertamento in merito alla ricapitalizzazione, che ad oggi risulta ancora deserta con ordini pari allo 0,2% del book (pari a 2 milioni di euro).
Zagop ha ribadito di non aver "nessun timore, nè niente da nascondere. Non abbiamo, nella maniera più assoluta, contatti con la vecchia dirigenza". L'industriale della carta ha liquidato le voci di una regia occulta, dietro all'operazione che i grandi soci stanno cercando di portare a compimento, come "solo chiacchiere che non ci toccano minimamente" e si è detto convito della possibilità che l'aggregazione della maggioranza del capitale riesca. Per questo è tornato a esortare gli azionisti a sottoscrivere l'aumento 
tramite l'associazione da lui presieduta, Per Veneto Banca: senza l'intervento dei soci, è stato scritto in una nota, si verificherà un «danno enorme» per loro, «per il paese e per l'economia del territorio, con significativi impatti sulla futura crescita». Inoltre, «non aiuta la sottoscrizione dell'aumento la concomitanza di fattori esterni quali, l'incertezza legata al referendum sulla Brexit, gli aumenti di altri istituti bancari e la forte volatilità del mercato borsistico».