Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Zago scrive a Mattarella e Renzi per chiedere di prolungare l'ipo

VENETO BANCA, COPERTO LO 0,3% DELL'AUMENTO DI CAPITALE

Le ispezioni Consob sollecitate dal collegio sindacale


MONTEBELLUNA - Ancora pochissimi ordini per l'aumento di capitale di Veneto Banca: a tre sedute dal termine (l'operazione per i soci si chiude il 22 giugno, più altri due giorni riservati agli investitori istituzionali) sarebbero state prenotate azioni per circa 3 milioni di euro complessivi, pari allo 0,3% dell'offerta da un miliardo. Al momento non sembrano concretizzarsi gli impegni, annunciati dal presidente Bruno Zago, dei grandi soci di Per Veneto Banca per acquisire circa 600 milioni di ricapitalizzazione.
L'attenzione si sposta così agli eventuali profili giudiziari. Come noto, su impulso della Consob, la Guardia di Finanza ha effettuato nei giorni scorsi (tra lunedì e mercoledì) dei controlli nella sede di Montebelluna e in altre sette agenzie per verificare se sono state effettuate pratiche scorrette nell'ambito della sottoscrizione, così come avveniva negli anni passati sotto la regia dell'ex amministratore delegato Vincenzo Consoli.
Intanto, proprio da un supplemento al prospetto informativo si è potuto ricostruire che con ogni probabilità a far accendere il faro della Commissione di sorveglianza dei mercati potrebbe essere stato il collegio sindacale. Dal documento emerge infatti che la settimana scorsa i sindaci della banca hanno inviato una segnalazione a Consob, Bce e Banca d'Italia sulle potenziali manifestazioni di interesse alla sottoscrizione di 'quote importanti'" dell'aumento. Il riferimento sembrerebbe indirizzato alle parole di Zago, che aveva parlato di manifestazioni di interesse dei soci per 600 milioni. Sul tema sono attesi sviluppi la settimana prossima: la parola sta infatti alla GdF che starebbe mettendo a punto una relazione sull'ispezione. Documentazione che dovrebbe essere poi trasmessa alla Procura di Roma, già titolare dell'inchiesta avviata a inizio 2015 per ostacolo alla vigilanza ai danni dell'ex management. Intanto, sempre dal supplemento è emerso che a maggio la banca della provincia di Treviso ha comunicato nel dettaglio l'ammontare dei «significativi deflussi di liquidità» registrati. L'indicatore liquidity coverage ratio (Lcr) è risultato infatti al 63,42%, ovvero sotto la soglia minima regolamentare prevista da Basilea del 70%.
L'associazione di soci Per Veneto Banca ha chiesto l'intervento delle massime cariche istituzionali sull'aumento di capitale dell'istituto di Montebelluna. Il presidente Bruno Zago, secondo quanto risulta a Radiocor Plus, nei giorni scorsi ha scritto una lettera indirizzata al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al premier Matteo Renzi, al ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, al ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, al presidente del Veneto Luca Zaia e al presidente di Veneto Banca, Stefano Ambrosini, chiedendo "il vostro intervento al al fine di pervenire al differimento dei tempi dell'Ipo". Zago, nella sua lettera del 9 giugno, ritiene che "con il massivo intervento dei soci si potrà sostenere la ristrutturazione della banca, evitando impatti sociali ed economici negativi di lungo termine e la spoliazione dei soci"