Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La storica azienda di Istrana annovera importanti commesse

GASPARINI INDUSTRIES, IL 2016 SEGNA IL RILANCIO

Fatturato e utili in crescita nella prima parte dell'anno


ISTRANA - Gasparini Industries torna a correre. L'azienda di Istrana, specializzata in macchinari per il taglio e la piegatura di lamine metalliche, dopo aver chiuso il 2015 in pareggio, con un fatturato di 4,5 milioni di euro, archivia una prima parte di 2016 positiva, oltre le aspettative, tanto che le stime di una crescita intorno al milione di euro dovranno con ogni probabilità essere riviste al rialzo. Già ad aprile era stato pressochè raggiunto il budget annuale e soprattutto si consolida un ritorno all'utile. L'impresa ha messo a segno importanti commesse. Tra le più recedneti due piegatrici per altrettanti clienti di Taiwan, una cesoia per la ArcelorMittal, colosso indo-lussemburghese dell'acciaio, un'apparecchiautra per una ditta trevigiana che produce cucine per navi.
Marchio storico della metalmeccanica trevigiana, la Gasparini aveva rischiato il fallimento, finendo in amministrazione straordinaria nel 2009. L'anno successivo era stata rilevata da una cordata di imprenditori, tra cui la famiglia Guderzo di Ponzano. Dopo alcuni anni difficili, in particolare il 2014-15 che hanno obbligato ad un nuovo riassetto e ad una riorganizzazione interna, ora l'azienda pare aver intrapreso la via del pieno rilancio. Con i nuovi ordinativi sono ripresi anche gli straordinari e le prospettive occupazionali sono confortanti: oggi l'industria occupa 44 persone, ma, se il trend sarà confermato, è in programma un incremento dell'organico del 10% in un anno, con assunzioni in produzione e negli uffici tecnici.