Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/216: LA CINA Č VICINA ANCHE SUL GREEN

A Pechino, lo svedese Bjork supera Otaegui


TREVISO - Ed ecco l’Open di questo Paese fino a ieri tanto lontano da noi, e che oggi, in quanto a Golf e non solo, si sta portando in pole position nel mondo.Il Volvo China Open, torneo dell’European Tour che si avvale dell’organizzazione dell’Asian Tour, si gioca al Topwin...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/215: ALLA MONTECCHIA VA IN SCENA IL BANCA GENERALI INVITATIONAL

Quarta tappa del circuito sponsorizzato dal gruppo bancario


SELVAZZANO DENTRO (PD) - In un ambiente speciale, la gara di golf 18 buche stableford, contrassegnata dall’esclusività e dal prestigio di “Banca Generali Private”. Era la quarta delle sette tappe del “Trofeo di golf area nord est” sponsorizzato da Banca...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/214: IL CHALLENGE AIGG RITORNA IN VENETO

Giornalisti golfisti impegnati a Frassanelle e al Colli Berici


PADOVA/VICENZA - Il Challenge dei Giornalisti Golfisti d’Italia 2018, dopo le giornate romane è arrivato in Veneto, nel padovano e nel vicentino. Abbiamo giocato in due particolarissimi Campi, ambientati in luoghi molto interessanti. Nella prima giornata abbiamo goduto della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La storica azienda di Istrana annovera importanti commesse

GASPARINI INDUSTRIES, IL 2016 SEGNA IL RILANCIO

Fatturato e utili in crescita nella prima parte dell'anno


ISTRANA - Gasparini Industries torna a correre. L'azienda di Istrana, specializzata in macchinari per il taglio e la piegatura di lamine metalliche, dopo aver chiuso il 2015 in pareggio, con un fatturato di 4,5 milioni di euro, archivia una prima parte di 2016 positiva, oltre le aspettative, tanto che le stime di una crescita intorno al milione di euro dovranno con ogni probabilità essere riviste al rialzo. Già ad aprile era stato pressochè raggiunto il budget annuale e soprattutto si consolida un ritorno all'utile. L'impresa ha messo a segno importanti commesse. Tra le più recedneti due piegatrici per altrettanti clienti di Taiwan, una cesoia per la ArcelorMittal, colosso indo-lussemburghese dell'acciaio, un'apparecchiautra per una ditta trevigiana che produce cucine per navi.
Marchio storico della metalmeccanica trevigiana, la Gasparini aveva rischiato il fallimento, finendo in amministrazione straordinaria nel 2009. L'anno successivo era stata rilevata da una cordata di imprenditori, tra cui la famiglia Guderzo di Ponzano. Dopo alcuni anni difficili, in particolare il 2014-15 che hanno obbligato ad un nuovo riassetto e ad una riorganizzazione interna, ora l'azienda pare aver intrapreso la via del pieno rilancio. Con i nuovi ordinativi sono ripresi anche gli straordinari e le prospettive occupazionali sono confortanti: oggi l'industria occupa 44 persone, ma, se il trend sarà confermato, è in programma un incremento dell'organico del 10% in un anno, con assunzioni in produzione e negli uffici tecnici.