Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e università coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Di fatto conclusa la trattativa, resta il nodo del Tenni

IL TREVISO PASSA DA PAOLO PINI A TIZIANO NARDIN

Pini: "Lascio il Treviso senza un euro di debito"


TREVISO - Il Calcio Treviso passa da Paolo Pini a Tiziano Nardin e resta dunque in mani trevigiane. Pini ha firmato un contratto preliminare che ora dovrà essere ratificato davanti al notaio, resta il nodo dello stadio Tenni: vedremo se la nuova società ne potrà usufruire. Nardin ha battuto la concorrenza di Stefano Bisogno, imprenditore salernitano. Dice Pini: "Di tempo ormai ce n’era sempre meno e bisognava accelerare-risponde-fra l’altro a Bisogno non ho mai parlato di persona, l’ho solo sentito al telefono: magari se ci fossimo visti avremmo potuto trattare in maniera migliore. Non metto in dubbio che avesse ottime disponibilità economiche ma io ad un certo punto dovevo pur prendere una decisione. E quell’assegno di 30 mila che avevano promesso io in verità non l’ho mai visto. Comunque il Treviso è in buone mani, Nardin ha un progetto valido che credo renderà pubblico quanto prima." In quale situazione finanziaria lascia il Treviso? "Zero debiti, tutto pagato e niente conti in rosso." E come mai allora il Tenni versa in totale abbandono? "Il 16 maggio scrissi al comune avvisandolo che avrei disdetto le utenze, ma lo stadio anche da chiuso costa 500 euro al mese. Inoltre ci sono in essere tre contratti pubblicitari ed il campo di Carbonera che, a parte le bollette, è gratuito."