Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Di fatto conclusa la trattativa, resta il nodo del Tenni

IL TREVISO PASSA DA PAOLO PINI A TIZIANO NARDIN

Pini: "Lascio il Treviso senza un euro di debito"


TREVISO - Il Calcio Treviso passa da Paolo Pini a Tiziano Nardin e resta dunque in mani trevigiane. Pini ha firmato un contratto preliminare che ora dovrà essere ratificato davanti al notaio, resta il nodo dello stadio Tenni: vedremo se la nuova società ne potrà usufruire. Nardin ha battuto la concorrenza di Stefano Bisogno, imprenditore salernitano. Dice Pini: "Di tempo ormai ce n’era sempre meno e bisognava accelerare-risponde-fra l’altro a Bisogno non ho mai parlato di persona, l’ho solo sentito al telefono: magari se ci fossimo visti avremmo potuto trattare in maniera migliore. Non metto in dubbio che avesse ottime disponibilità economiche ma io ad un certo punto dovevo pur prendere una decisione. E quell’assegno di 30 mila che avevano promesso io in verità non l’ho mai visto. Comunque il Treviso è in buone mani, Nardin ha un progetto valido che credo renderà pubblico quanto prima." In quale situazione finanziaria lascia il Treviso? "Zero debiti, tutto pagato e niente conti in rosso." E come mai allora il Tenni versa in totale abbandono? "Il 16 maggio scrissi al comune avvisandolo che avrei disdetto le utenze, ma lo stadio anche da chiuso costa 500 euro al mese. Inoltre ci sono in essere tre contratti pubblicitari ed il campo di Carbonera che, a parte le bollette, è gratuito."