Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'intero capitale sottoscritto da Atlante a 10 cent per azione

VENETO BANCA NON RIESCE A SBARCARE A PIAZZA AFFARI

Chiuso l'aumento, Borsa non dà l'ok alla quotazione


MONTEBELLUNA - Veneto Banca non sbarcherà a Piazza Affari. Borsa Italiana, con una nota ufficiale, non ha dato il via libera all'inizio delle negoziazioni, facendo decadere la precedente ammissione al marcato telematico. Un provvedimento di fatto scontato, visto l'esito dell'aumento di capitale del gruppo montebellunese, chiusosi venerdì all'una con appena il 2,23% del miliardo  complessivo sottoscritto. Con il conseguente ingresso pressocchè totalitario del Fondo Atlante, viene dunque a mancare la pluralità di soggetti indispensabili a garantire gli ascambi azionari sul listino.
Dopo che mercoledì l'offerta in opzione ai soci era terminata con sottoscrizioni per 22.230.793,98 euro, infatti, l'ulteriore giorno e mezzo riservato agli investitori istituzionali ha visto l'adesione di solo un altro soggetto, per una quota di centomila euro. A questo punto, i soci che avevano acqusitato azioni nell'ambito dell'offerta hanno diritto a revocare la loro adesione, entro due giorni lavorativi dalla pubblicazione dell'apposito avviso su alcuni quotidiani, prevista per il 25 giugno, mentre per gli istituzionali l'adesione decade automaticamente.
L'aumento di capitale sarà sottoscritto interamente (al prezzo minimo di 10 centesimi per azione) da Atlante. A seconda della conferma o meno delle nuove azioni da parte dei soci, il fondo gestito da Quaestio sgr avrà così una partecipazione compresa tra il 98,77 e il 96,54% del capitale dell'ex popolare trevigiana, mentre i vecchi soci vedranno la loro quota complessiva diluirsi a poco più dell'1,2%. L'intervento del fondo, comunque, spiega l'istituto di Montebelluna, "consentirà di riportare i coefficienti patrimoniali della banca al di sopra della soglia minima stabilita dalla Banca Centrale Europea (10,25% a decorrere dal 30 giugno 2016): il CET 1 ratio del gruppo Veneto Banca per l’aumento di capitale si attesterà infatti sopra l’11%."