Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/240: A DONNAFUGATA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG 2018

I giornalisti golfisti si sfidano in Sicilia


DONNAFUGATA - Il maltempo aveva imperversato fino il giorno prima, e continuava a devastare parte della Sicilia. Non eravamo in molti giornalisti praticanti di golf provenienti da mezza Italia, a prendere il coraggio e andar a sostenere il Campionato già da tempo programmato. Donnafugata, il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Chervò il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'intero capitale sottoscritto da Atlante a 10 cent per azione

VENETO BANCA NON RIESCE A SBARCARE A PIAZZA AFFARI

Chiuso l'aumento, Borsa non dà l'ok alla quotazione


MONTEBELLUNA - Veneto Banca non sbarcherà a Piazza Affari. Borsa Italiana, con una nota ufficiale, non ha dato il via libera all'inizio delle negoziazioni, facendo decadere la precedente ammissione al marcato telematico. Un provvedimento di fatto scontato, visto l'esito dell'aumento di capitale del gruppo montebellunese, chiusosi venerdì all'una con appena il 2,23% del miliardo  complessivo sottoscritto. Con il conseguente ingresso pressocchè totalitario del Fondo Atlante, viene dunque a mancare la pluralità di soggetti indispensabili a garantire gli ascambi azionari sul listino.
Dopo che mercoledì l'offerta in opzione ai soci era terminata con sottoscrizioni per 22.230.793,98 euro, infatti, l'ulteriore giorno e mezzo riservato agli investitori istituzionali ha visto l'adesione di solo un altro soggetto, per una quota di centomila euro. A questo punto, i soci che avevano acqusitato azioni nell'ambito dell'offerta hanno diritto a revocare la loro adesione, entro due giorni lavorativi dalla pubblicazione dell'apposito avviso su alcuni quotidiani, prevista per il 25 giugno, mentre per gli istituzionali l'adesione decade automaticamente.
L'aumento di capitale sarà sottoscritto interamente (al prezzo minimo di 10 centesimi per azione) da Atlante. A seconda della conferma o meno delle nuove azioni da parte dei soci, il fondo gestito da Quaestio sgr avrà così una partecipazione compresa tra il 98,77 e il 96,54% del capitale dell'ex popolare trevigiana, mentre i vecchi soci vedranno la loro quota complessiva diluirsi a poco più dell'1,2%. L'intervento del fondo, comunque, spiega l'istituto di Montebelluna, "consentirà di riportare i coefficienti patrimoniali della banca al di sopra della soglia minima stabilita dalla Banca Centrale Europea (10,25% a decorrere dal 30 giugno 2016): il CET 1 ratio del gruppo Veneto Banca per l’aumento di capitale si attesterà infatti sopra l’11%."