Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Montebelluna, lavori aggiudicati all'impresa Bordignon di Volpago

IN PORTO IL RECUPERO DI VILLA PISANI E BARCHESSA MANIN

Esito positivo delle due gare da 7,5 milioni totali


MONTEBELLUNA - Va in porto il più grande intervento degli ultimi decenni dedicato al restauro e alla valorizzazione del patrimonio storico-architettonico comunale, per un importo complessivo di sette milioni e mezzo di euro. Hanno avuto, infatti, esito positivo le due gare pubbliche indette dal Comune per Villa Pisani e la Barchessa Manin. Quattro le offerte per la prima, due per la seconda. In entrambi i casi si è aggiudicata i lavori (fatte salve le verifiche di legge) l'impresa Costruzioni Bordignon di Volpago del Montello.
In Comune si è tirato un grande sospiro di sollievo perché il risultato era tutt’altro che scontato, come spiega il sindaco Marzio Favero, che ha seguito personalmente tutte le fasi di un’operazione culturale che si intreccia alle partite, da un lato, del rilancio turistico del Montello e, dall’altro, della riqualificazione del centro cittadino: "Tre sono state le sfide ardue. La prima quella economica, perché il Comune non aveva risorse proprie sufficienti. Poi, a metà 2014, l’Italia è stata richiamata dall’Europa perché lo Stato teneva bloccati i fondi FSC. A quel punto il Governo ha dovuto girare le risorse alle Regioni che in autunno hanno pubblicato i bandi per il loro utilizzo. Noi ci siamo candidati con la Barchessa Manin, mentre villa Pisani è entrata in un gioco diverso: il finanziamento a regia per la costruzione degli Itinerari storico culturali della Grande Guerra. E poiché gli itinerari che provengono dal vicentino, dal bellunese e dal veneziano, si incrociano sul Montello, la nostra proposta di realizzare presso Villa Pisani un memoriale contemporaneo è stata premiata con 2.100.000 euro, mentre un milione è stato aggiudicato per la Barchessa. Ma l’assegnazione delle risorse è arrivata solo a fine novembre 2015. Problema enorme: la scadenza per l’affidamento dei lavori era fissata per il 30 giugno 2016!
"La seconda sfida - continua il sindaco - è stata, quindi, quella contro il tempo. Mi sono confrontato con gli uffici, i dubbi sulla fattibilità erano enormi. Alla fine abbiamo deciso di rischiare il tutto per tutto. Per la Barchessa Manin la Soprintendenza ha chiesto una modifica del progetto che rispettasse filologicamente la struttura dell’immobile. Per Villa Pisani si è passati da un semplice preliminare al definitivo per la gara d’appalto integrata. Devo ringraziare di cuore gli uffici comunali dei lavori pubblici, i progettisti esterni, la soprintendenza, i vigili del fuoco, il genio civile, il museo, i referenti scientifici dell’università di Padova e dello Iuav, la stazione unica appaltante e la ragioneria. Ce l’abbiamo fatta, sul filo di lana, grazie ad uno straordinario lavoro d’equipe, condotto anche di domenica e di notte".
La terza sfida è stata quella della costruzione di due gare che prevedevano una quota parte di finanziamento non in liquidi, ma in immobili. Le ex scuole di Santa Lucia e le ex-carceri e centro giovani per villa Pisani. Un fattore di rischio per il successo. E invece sono arrivate quattro offerte per Villa Pisani e due per la Barchessa Manin.
"Infine - conclude Favero -, ma non per ultimo, il ringraziamento va alla mia squadra di assessori e consiglieri, in buona parte rieletti per il coraggio con cui hanno dato il disco verde a un’operazione destinata non solo a restaurare due immobili di pregio, ma ad attribuire loro anche una vocazione importante".
Villa Pisani ospiterà il primo memoriale multimediale italiano della Grande Guerra e diventerà il portale di accesso turistico al Montello e agli itinerari regionali. Montebelluna si troverà accomunata alle altre città al fronte come Cortina, Asiago, Bassano del Grappa, Conegliano, Vittorio Veneto, Treviso, San Donà di Piave, Jesolo, Cavallino Tre Porti e Venezia. Mentre la Barchessa Manin diverrà luogo di rappresentazione dei valori del territorio, sede espositiva, spazio per le associazioni e quindi motore di vita per l’omonimo parco.


Gli importi complessivi della opere (Iva compresa):

Villa Pisani: 5.500.000 euro, di cui 2.100.000 di contributo regionale a valere su fondi europei FSC, 1.000.000 da Veneto, 1.050.000 di mutuo e 1.200.000 trasferimento immobile, 150 a carico del bilancio ordinario del comune.

Barchessa Manin: 1.900.000 euro, 1.000 contributo regionale a valere su fondi fsc, 195.000 euro mutuo, trasferimento immobile scuole di santa Lucia 362.526, 312.0000 da bilancio comunale.




Galleria fotograficaGalleria fotografica