Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitÓ coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Appello a Zaia: "La Regione la ceda al Comune"

UN BOSCO URBANO NELL'AREA DELL'EX CONSORZIO DI VIALE BIXIO

La proposta di Impegno Civile per i 22mila metri abbandonati


TREVISO - Un bosco urbano nell'area dell'ex consorzio agrario nei pressi del Ponte della Gobba. E' la proposta di Impegno civile, una delle liste di maggioranza che sostengono l'amministrazione Manildo a Treviso. I 22mila metri quadrati, tra la circonvallazione esterna e il quartiere di Fiera, ormai da decenni in disuso, secondo l'organizzazione, potrebbero diventare un importante polmone verde con funzioni anti-inquinamento e di assorbimento delle polveri sottili, a beneficio soprattutto di bambini ed anziani. Non solo potrebbero rappresentare un vero e proprio punto di snodo per i “cunei verdi” della città, trovandosi sulle rive del Sile, di fronte alla zona verde dei giardinetti di via Tasso. In più, poichè l'area è collocata a poca distanza dal punto di inizio della “restera” sulla riva sinistra del fiume (in un prossimo futuro, potrebbe essere realizzata anche un'analoga "passeggiata" sulla riva destra) e potrebbe costituire il punto di partenza di un "percorso verde" che, passando per lo scalo Motta e la ex-caserma Salsa, arriva al parco della Storga.
Il complesso dell'ex consorzio è di proprietà della Regione, per questo i rappresentanti di Impegno Civile hanno scritto al governatore Luca Zaia, chiedendogli di cedere l'area ad un prezzo simbolico alla città di Treviso. "Siamo consapevoli che l’area è oggetto di un piano di recupero approvato dal Comune di Treviso e che, quindi, il suo valore nel bilancio della Regione è legato elle volumetrie residenziali, commerciali e direzionali che sarebbe possibile realizzare - scrivono gli esponenti del gruppo consiliare -. Sappiamo anche, però, che la vendita di questo tipo di aree a Treviso è tutt’altro che semplice, visto che in città ci sono già circa 4mila alloggi vuoti e che, quindi, il valore di 5 milioni di euro assegnato al complesso nella contabilità regionale è poco più che una vaga speranza".
Non solo, lo stato di abbandono in cui da tempo versano gli edifici, fanno notare dalla lista, imporrà a breve una serie di interventi di messa in sicurezza per evitare crolli e pericoli.
"Se la Regione, quindi, cedesse la proprietà dell’area al Comune potrebbe evitare delle spese quasi certe mentre rinuncerebbe ad un introito destinato a rimanere 'sulla carta' - continua l'appello a Zaia -. Questa cessione permetterebbe, per la prima volta nella storia di Treviso, di far ritornare verde un’area edificata, invertendo la tendenza al consumo di territorio che così drammaticamente ha caratterizzato negli ultimi decenni la nostra città come l’intero Veneto e di dare un contributo concreto all’incremento del patrimonio arboreo che si traduce, oggi più che mai, in un miglioramento della salute dei cittadini".