Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/166: I GIORNALISTI GOLFISTI SI SFIDANO IN EMILIA

Il Challenge Aigg fa tappa al club Le Fonti e Bologna


BOLOGNA - Siamo in Emilia, per la terza e quarta tappa del Challenge Aigg Diavolina, e la prima giornata è al Club “Le Fonti”. Ci affacciamo ai piedi dell’appennino tosco emiliano in comune di Castel San Pietro Terme, appena un po’ a est di Bologna sulla storica Via...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/165: TWENTY DOUBLE CUP, LA RYDER VENETA

Tra sport e goliardia, i "Rossi" si aggiudicano la seconda edizione della gara


VENEZIA - Una competizione speciale, festosa, trascinante! Due gruppi di amici, abituati a sfottersi goliardicamente quando giocano a Golf, dopo una partita a Jesolo lo scorso anno, hanno avuto l’idea di provar a cimentarsi in gara a squadre, al fine che le rispettive derisioni trovassero...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/164: THE MASTERS , SERGIO GARCIA ╚ IL MIGLIORE DEI "MAESTRI"

Nel prestigioso major di Augusta, primo trionfo dello spagnolo


AUGUSTA (USA) - Siamo al primo dei quattro tornei stagionali di maggior spicco nella stagione golfistica maschile: i 4 Majors. Il Masters è torneo dal fascino antico, il più rilevante; dal 6 al 9 aprile se ne gioca l’edizione 81, sulle consuete 72 buche. È infatti l'unico...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Progetto che coinvolge 120 studenti e 40 docenti di tutto il mondo

STRADE- PARCO E NIENTE GIOSTRE: ECCO LA NUOVA FIERA

Il quartiere ripensato dallo Iuav e da Unindustria


TREVISO - Un maxi progetto per rinnovare l'intero quartiere di Fiera. Ci stanno lavorando oltre 120 studenti ed una quarantina di docenti dello Iuav e di cinque università di tutto il mondo (compresa una cinese ed una coreana), in un'iniziativa promossa da Unindustria Treviso insieme all'ateneo veneziano.
Tre gli aspetti principali su cui il team di lavoro si è concentrato. Innanzitutto, la mobilità: l'obiettivo è definire una gerarchia tra via Postumia e viale 4 Novembre, i due principali assi viari della zona, oggi di fatto un doppione. La prima, dunque, dovrebbe diventare una strada-parco, costituendo il vero accesso per chi arriva in città. Il secondo, invece, dovrebbe essere riservato al traffico locale, con velocità ridotte (e per questo verrebbero introdotti carreggiata ristretta, chicane, attraversamenti rialzati e limite di 30 km/h) e spazi di aggregazione lungo il suo tracciato. In più, sono stati ipotizzati una fermata ferroviaria e il potenziamento dei percorsi ciclo-pedonali.
Altro elemento, il recupero delle aree produttive, presenti nel quartiere, della De Longhi e della Zorzi. Puntando soprattutto a riqualificare i capannoni già
esistenti, il progetto mira ad insediare, accanto alle attività più tradizionali, nuove funzioni più "leggere" e tecnologiche, come incubatori di start-up, terziario avanzato e centri di ricerca. Ma anche una struttura congressuale-fieristica, da circa 3mila posti, oggi assente in città. Lungo il vicino fiume Storga, invece, è stata prevista un'area agricola urbana sperimentale, dove coltivare varietà tipiche o dimenticate.
E, infine, Prato della Fiera. E' senza dubbio destinata a far discutere la proposta di spostare altrove (alla Dogana o allo Scalo Motta) le Fiere, ritenute troppo condizionanti, per recuperare un'identità commerciale e culturale dello storico spiazzo. Ecco dunque un mercato periodico, almeno mensile, ma anche un
maggior collegamento con i vicini Sile e la Restera. Il Prato, con spazi verdi attrezzati, punti ristoro, noleggio e riparazione di biciclette ed un teatro all'aperto, potrebbe così diventare un polo dei percorsi nel Parco del Sile e costituire una sorta di spina dorsale fino al parco dello Storga.
Le linee progettuali - che ovviamente costituiscono idee per alimentare la discussione - sono state presentate dal vicepresidente dell'associazione industriali, Giuseppe Bincoletto, insieme ai professori dello Iuav Medardo Chiapponi e Marco Ferrari e al sindaco Giovanni Manildo. "Sono spunti molto interessanti - ha detto il primo cittadino -. Cadono nel momento opportuno, perchè stiamo preparando il documento preliminare del sindaco al Piano degli interventi (lo stumento operativo del Pat, ndr). Ne terremo sicuramente conto".