Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitą coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Omaggio del consiglio comunale e corona sulla tomba a Castelbrando

A CENTO ANNI DALLA MORTE, VITTORIO VENETO RICORDA IL SUO DEPUTATO- SOLDATO

Brandolino Brandolini fu l'unico parlamentare caduto


VITTORIO VENETO - Un solo parlamentare italiano morì durante la Prima Guerra Mondiale: era il deputato di Vittorio Veneto, Brandolino Brandolini d'Adda.
Nel centenario della sua scomparsa, avvenuta il 28 giugno 1916, la città di Vittorio Veneto ha voluto rendergli omaggio.
Il sindaco Roberto Tonon, l'assessore Barbara De Nardi, il presidente del Consiglio Comunale Silvano Tocchet, accompagnati dal generale Lorenzo Cadeddu, scrittore e ricercatore di storia militare, presidente del Centro Studi Storico Militari sulla Grande Guerra “Piero Pieri” di Vittorio Veneto, e da alcuni rappresentanti delle associazioni d'arma, si sono recati domenica scorsa sulla sua tomba, nella cappella di San Martino di Castelbrando a Cison, a depositare una corona di fiori.
In apertura di Consiglio comunale, ieri sera, il generale Cadeddu ne ha brevemente tracciato la figura. Nato a Cordignano nel 1878, apparteneva alla famiglia nobile dei Brandolini, figlio del senatore Annibale e fratello del deputato Girolamo. Partito come volontario autista allo scoppio della Guerra, si fece quindi trasferire in fanteria, optando successivamente per ruoli e missioni sempre più pericolose con grande coraggio, che gli valsero la medaglia d'argento al valor militare. Gravemente ferito presso il ponte Schiri, ad Arsiero nel vicentino il 26 giugno 1916, morì due giorni dopo nell'ospedale di Schio.
"A nome della città - commenta il sindaco Roberto Tonon - abbiamo voluto rendere omaggio a questa grande figura di politico, l'unico parlamentare a cadere durante la Grande Guerra che lega il suo nome a Vittorio Veneto. Simbolicamente con questo gesto abbiamo voluto ricordare tutti i caduti del conflitto, grazie al coraggio dei quali abbiamo conquistato la libertà di cui oggi godiamo".