Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitÓ coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In arrivo da Barcellona, bloccate da GdF e Agenzia delle Entrate

SETTE ETTI DI COCAINA NELLA BIANCHERIA INTIMA

Arrestate due dominicane all'aeroporto Canova


TREVISO - Avevano imbottito slip e reggiseni di ovuli di cocaina: in totale ben sette etti di dorga. Nonostante il nascondiglio due dominicane sono state scoperte e arrestate, mercoledì sera, all'aeroporto di Treviso dagli ispettori dell'Agenzia delle Entrate e dagli agenti della Guardia di Finanza. Le due donne, entrambi trentenni, erano appena scese dal volo atterrato alle 21.30 da Barcellona. Nella città catalana avevano fatto scalo dopo il viaggio dalla Repubblica Dominicana. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, proprio nell'aeroporto spagnolo o, in areo durante l'ultima tratta fino in Veneto, i due corrieri devono aver espulso gli ovuli, ingoiati prima di partire. E che poi avevano occultato nella lingerie. Come in altri casi simili, il Canova potrebbe essere stato scelto dai trafficanti, perchè ritenuto meno controllato rispetto ai grandi hub internazionali. Per le due latinoamercane, ora, si sono aperte le porte del carcere femminile della Giudecca a Venezia.