Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/178: LIGNANO OPEN, IL 6° APPUNTAMENTO DELL'ITALIAN PRO TOUR 2017

Primo l'austriaco Markus Habeler con 200 colpi, 16 sotto Par


LIGNANO - È tornata al Golf Club Lignano questo importante appuntamento. Anticipato mercoledì 19 luglio da una speciale Pro Am, ha preso il via in grande stile sul tracciato friulano, il Lignano Open, sesto torneo dell’Italian Pro Tour 2017; fa parte del circuito di gare...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In arrivo da Barcellona, bloccate da GdF e Agenzia delle Entrate

SETTE ETTI DI COCAINA NELLA BIANCHERIA INTIMA

Arrestate due dominicane all'aeroporto Canova


TREVISO - Avevano imbottito slip e reggiseni di ovuli di cocaina: in totale ben sette etti di dorga. Nonostante il nascondiglio due dominicane sono state scoperte e arrestate, mercoledì sera, all'aeroporto di Treviso dagli ispettori dell'Agenzia delle Entrate e dagli agenti della Guardia di Finanza. Le due donne, entrambi trentenni, erano appena scese dal volo atterrato alle 21.30 da Barcellona. Nella città catalana avevano fatto scalo dopo il viaggio dalla Repubblica Dominicana. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, proprio nell'aeroporto spagnolo o, in areo durante l'ultima tratta fino in Veneto, i due corrieri devono aver espulso gli ovuli, ingoiati prima di partire. E che poi avevano occultato nella lingerie. Come in altri casi simili, il Canova potrebbe essere stato scelto dai trafficanti, perchè ritenuto meno controllato rispetto ai grandi hub internazionali. Per le due latinoamercane, ora, si sono aperte le porte del carcere femminile della Giudecca a Venezia.