Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/153: IL WINTER 4 PALLE A CA' DELLA NAVE

Nuova tappa del circuito griffato Cristianevents


CA' DELLA NAVE - Rinviata per maltempo la Louisiana a due del giorno 15, che sarà riprogrammata per il 5 di febbraio, domenica 22 è partita finalmente a Cà della Nave la lunga teoria dei “Cristianevents”, con la gara a coppie “4 palle”. Il regolamento...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/152: IN SUDAFRICA, EDO MOLINARI TRA I PROTAGONISTI

Nella tappa "australe" dell'European Tour si impone l'inglese Storm


Edoardo Molinari, Nino Bertasio e il dilettante romano Philip Geerts, sono gli azzurri impegnati nel torneo BMW South African Open dell’European Tour, combinato con il Sunshine Tour, in atto dal 12 al 15 gennaio. Il Campo di gioco è il Glendower (par 72) di City of Ekurhuleni. Il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/151: GLI AZZURRI ALLA QUALIFICAZIONE PER IL TOUR ASIATICO

Alle Hawaii via al Pga: nel torneo dei campioni comanda Justin Thomas


Due interessanti manifestazioni in questi giorni, alle Hawaii e in Tailandia: mentre la PGA americana dà il via al torneo riservato ai vincitori della scorsa stagione che segna anche l’inizio del Tour statunitense, gli azzurri Alessandro Tadini (piemontese) e Aron Zemmer (ventiseienne...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il dg Carrus: "Fusioni? Ci penseremo dopo l'estate"

VENETO BANCA, AD ATLANTE IL 97,64% DELL'ISTITUTO

Il fondo ha sottoscritto 988,5 milioni di aumento


MONTEBELLUNA - Atlante prende il controllo di Veneto Banca e grazie all'iniezione di liquidità il patrimonio del gruppo torna sopra i requisiti minimi richiesti dalla Bce.
Una nota della banca informa, infatti, che "si è regolarmente perfezionata in data odierna l'operazione di aumento di capitale" da un miliardo e Atlante è entrato in possesso di una partecipazione pari al 97,64% dell'istituto di Montebelluna. Nel dettaglio, Quaestio sgr, per conto del fondo di cui è gestore, ha sottoscritto 9.885.823.295 azioni ordinarie di nuova emissione, al prezzo 10 centesimi l'una, per un controvalore totale di 988,58 milioni. Atlante, copre, dunque, tutti i titoli rimasti inoptati al termine della ricapitalizzazione. Alla fine dell'operazione, chiusasi il 24 giugno scorso, è considerando anche le revoche per il mancato sbarco in Borsa, sono state collocate 114.176.705 nuove azioni per un controvalore totale pari a 11,4 milioni di euro, pari all'1,142% dell'offerta globale. 
Grazie alla ricapitalizzazione, i coefficienti patrimoniali del gruppo ad esito dell'aumento risultano quindi pari all'11,22% in termini di Cet 1, a fronte di un livello minimo richiesto dalla Bce (a fine marzo), del 10,25%.
"Atlante entra oggi - ha detto il direttore generale di Veneto Banca, Cristiano Carrus, da Roma dove è intervenuto alla Decima Conferenza del sindacato Fabi -. Lasciamo almeno qualche settimana e l'estate per ragionare su queste cose. Il che non significa fare una  fusione". Il "matrimonio" rimane però l'ipotesi più probabile. Tra le pretendenti, in prima fila, potrebbe esserci Bper. "È una considerazione ragionevole - ha ribadito Carrus -. È certo che i target delle
operazioni di fusione sono limitati. Credo però che sia in Atlante, sia nel management ci sia l'esperienza per fare valutazioni. Cercheremo di mettere a disposizione della società tutte le nostre valutazioni".