Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il dg Carrus: "Fusioni? Ci penseremo dopo l'estate"

VENETO BANCA, AD ATLANTE IL 97,64% DELL'ISTITUTO

Il fondo ha sottoscritto 988,5 milioni di aumento


MONTEBELLUNA - Atlante prende il controllo di Veneto Banca e grazie all'iniezione di liquidità il patrimonio del gruppo torna sopra i requisiti minimi richiesti dalla Bce.
Una nota della banca informa, infatti, che "si è regolarmente perfezionata in data odierna l'operazione di aumento di capitale" da un miliardo e Atlante è entrato in possesso di una partecipazione pari al 97,64% dell'istituto di Montebelluna. Nel dettaglio, Quaestio sgr, per conto del fondo di cui è gestore, ha sottoscritto 9.885.823.295 azioni ordinarie di nuova emissione, al prezzo 10 centesimi l'una, per un controvalore totale di 988,58 milioni. Atlante, copre, dunque, tutti i titoli rimasti inoptati al termine della ricapitalizzazione. Alla fine dell'operazione, chiusasi il 24 giugno scorso, è considerando anche le revoche per il mancato sbarco in Borsa, sono state collocate 114.176.705 nuove azioni per un controvalore totale pari a 11,4 milioni di euro, pari all'1,142% dell'offerta globale. 
Grazie alla ricapitalizzazione, i coefficienti patrimoniali del gruppo ad esito dell'aumento risultano quindi pari all'11,22% in termini di Cet 1, a fronte di un livello minimo richiesto dalla Bce (a fine marzo), del 10,25%.
"Atlante entra oggi - ha detto il direttore generale di Veneto Banca, Cristiano Carrus, da Roma dove è intervenuto alla Decima Conferenza del sindacato Fabi -. Lasciamo almeno qualche settimana e l'estate per ragionare su queste cose. Il che non significa fare una  fusione". Il "matrimonio" rimane però l'ipotesi più probabile. Tra le pretendenti, in prima fila, potrebbe esserci Bper. "È una considerazione ragionevole - ha ribadito Carrus -. È certo che i target delle
operazioni di fusione sono limitati. Credo però che sia in Atlante, sia nel management ci sia l'esperienza per fare valutazioni. Cercheremo di mettere a disposizione della società tutte le nostre valutazioni".