Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dipendenti senza stipendio, stop ai telegiornali

ANTENNA TRE, 31 POSTI DI LAVORO A RISCHIO ESUBERO

Si aggrava la crisi della storica emittente locale


SAN BIAGIO DI CALLALTA - Si aggrava improvvisamente la crisi di Antenna Tre.  In una riunione, mercoledì sera, l'editore Thomas Panto ha annunciato l'intenzione di licenziare oltre metà dei 56 dipendenti della storica emittente televisiva veneta: 31 tra giornalisti e tecnici rischiano di rimanere a casa. In risposta il personale ha proclamato uno sciopero ad oltranza. Il comitato di redazione ha comunicato al direttore Domenico Basso la decisione di interrompere momentaneamente ogni produzione, fino a quando la situazione non si sarà chiarita. Una risoluzione estrema, menifestata anche ai telespettatori con una breve nota letta in apertura dell'edizione delle 12.30 del tg, andato in onda senza servizi. "Il personale sta lavorando da sei mesi senza stipendio - è stato ricordato nel comunicato - e il sacrificio non è più sostenibile".
L'azienda nelle scorse settimane ha presentato richiesta di concordato preventivo, mentre rimane in stallo la proposta di Eu Media Regional, società guidata da Roberto Palladin, che si era detta disponibile a rilevare, in affitto di ramo d'azienda, le attività giornalistiche del gruppo, assumendo circa 25 persone. Secondo Panto, tuttavia, questo intervento non risolverebbe la situazione: ad oggi, secondo quanto l'editore  ha spiegato nel corso dell'incontro con i rappresentanti dei dipendenti, l'azienda non è in grado di sostenere gli attuali 56 contratti, neppure con la formula del part-time avviata a fine dell'anno scorso. Le risorse oggi disponibili sarebbero sufficienti a coprire non più di 25 posizioni. Con il passaggio ad Eu Media, la "vecchia" Antenna Tre continuerebbe ad occuparsi della parte tecnica, ma, anche in questo caso, sarebbero necessari non più di 4 o 5 addetti, peraltro tecnici e non giornalisti.
Di fronte alla prospettiva degli esuberi, il cdr ha interrotto l'incontro ed ha chiesto l'assistenza del sindacato giornalisti. Ad oggi, dunque, la trattativa è arenata. Nella speranza che quello andato in onda, non sia stato l'ultimo tg dell'ultradecennale storia di Antenna Tre.