Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Selezionate 80 opere sempre visibili anche durante le mostre

S. CATERINA RIAPRE CON UN NUOVO ALLESTIMENTO DEI DIPINTI

Creati due percorsi su Arte sacra e Rappresentazioni urbane


TREVISO - Il cuore del patrimonio artistico e pittorico della città di Treviso in esposizione fino a settembre nelle sale delle ex Scuderie e nella ex chiesa dove si trovano gli affreschi staccati con Le storie di Sant’Orsola di Tomaso da Modena. Si tratta di 80 opere, selezionate dalla curatrice Elisabetta Gherardingher, che rappresenteranno il nucleo centrale del patrimonio artistico Andrea Appiani, Ritratti di Margherita Prati marchesa Grimaldicittadino.
Da sabato 2 luglio la galleria di arte medievale, rinascimentale e moderna del Comune di Treviso riaprirà le sue porte con due percorsi dedicati all’arte sacra e alle rappresentazioni urbane.
"Da sabato la sede museale di Santa Caterina riaprirà le sue porte proponendo un’importante selezione artistica che resterà sempre visibile agli spettatori, vale a dire anche quando il museo ospiterà le esposizioni temporanee – dichiara l’assessore ai beni culturali del Comune di Treviso Luciano Franchin – Ringrazio per questo il dirigente del settore Emilio Lippi ed Elisabetta Gherardingher che ha saputo dare vita a due percorsi di grande valore artistico esaltando le potenzialità delle nostre collezioni permanenti”.
"Il riallestimento della Pinacoteca nell’ala delle ex scuderie ha consentito di elaborare inediti percorsi, che documentano la ricca articolazione del patrimonio civico d’arte, e che sono il frutto dell’appassionato lavoro del Conservatore dei Musei, Elisabetta Gerhardinger - dichiara il dirigente del settore musei civici Emilio Lippi - Il primo piano è dedicato all’iconografia religiosa, con opere che spaziano dal Trecento al Settecento, di grande impatto emotivo, in particolare nella parete di fondo, che accoppia la Crocifissione di Iacopo Bassano, capolavoro assoluto del Rinascimento veneto, a un Crocifisso ligneo recentemente restaurato e finora mai esposto al pubblico. Il piano terra esplora vedute di città, da Treviso a Venezia, a Roma e Parigi: la capitale francese viene rappresentata dal monumentale Plan di Louis Bretez del 1739. Offre inoltre una galleria di ritratti tra i più belli che ci conservano nelle raccolte civiche, posti in qualche caso in dialogo con gli strumenti musicali antichi, di proprietà del Museo, che nei dipinti sono evocati".

ippolito Caffi, Ascensione in mongolfiera sulla campagna romana

Il patrimonio artistico del Museo di Santa Caterina

Il patrimonio della Galleria di arte Medievale, Rinascimentale e Moderna dei Musei Civici di Treviso è molto ricco e articolato. Vi sono comprese opere bidimensionali, dalle tempere su tavola, agli affreschi staccati, ai reliquiari per la devozione privata, ai grandi teleri per le chiese, ai ritratti, alle vedute da cavalletto.
A queste si affiancano lavori in pietra, marmo, terracotta e lignei, fra sculture, lastre decorate e iscritte, frammenti architettonici. Inoltre nelle collezioni sono presenti manufatti di alto artigianato, databili dal ‘400 all’800 e di assoluta rilevanza e rarità per materiali e lavorazioni, che documentano l’elaborazione e le modalità di diffusione di modelli e di iconografie artistiche attraverso gli oggetti d’uso quotidiano.
Gli artisti e gli ambiti rappresentati sono prevalentemente italiani, in particolare attivi in Veneto e a Treviso, ma non mancano personalità e botteghe di altre aree europee, con opere che spaziano tra la fine del XIII e la prima metà del XIX secolo.
Le civiche collezioni d’arte trevigiane esprimono inoltre non solo l’attività degli artisti e le tendenze dei committenti ma anche le specifiche tradizioni collezionistiche private e pubbliche, in particolare locali e veneziane, che hanno sollecitato sia l’istituzione stessa di vari nuclei museali civici, sia il loro sviluppo a partire dalla metà dell’800.

Francesco Guardi, L'isola di San Giorgio