Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/267: OTTO AZZURRI AL BRITISH MASTERS

Il titolo, primo in carriera, va però allo svedese Kinhult


SOUTHPORT (GB) - È uno dei tornei di più lunga tradizione nel calendario, il Betfred British Masters, che si gioca sul percorso dell’Hillside Golf Club, a Southport, bella località sulla costa occidentale della Gran Bretagna. Sono ben otto i giocatori italiani in gara:...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/266: MANDARE IN BUCA GLI OSTACOLI DELLA VITA

A Sala Baganza, l'open internazionale per disabili


PARMA - Giunto ormai alla 19esima edizione, si è giocato a Parma, nel bel campo da golf del Ducato di Sala Baganza, il torneo internazionale per golfisti paralimpici. Il campo è un parkland, inserito nel Podere d’Ombriano, già antica residenza di caccia dei Duchi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/265: KOEPKA FA SUO IL SECONDO MAJOR DI STAGIONE

Disputato per la prima volta a maggio, il Championship regala spettacolo


FARMINGDALE (USA) - Il secondo major, il Championship, giunto alla 101ª edizione, ha luogo per la prima volta a Farmingdale, nel Long Island, stato di New York, sul difficile percorso del Bethpage Black Course (par 70), che sarà sede della Ryder Cup 2024. È la prima volta che si...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, si parte con il centro, entro il 2017 anche nei quartieri

SICUREZZA, "ARRUOLATE" LE TELECAMERE DEI PRIVATI

Progetto del Comune per usare gli impianti di case e aziende


TREVISO - ‘Telecamere in Comune’. E’ questo il nome del progetto che, sviluppandosi in diverse fasi, vede la collaborazione di cittadini e privati per l’utilizzo di sistemi di videosorveglianza che potranno aiutare gli agenti nel controllo del territorio. Lo strumento, in grado di rispondere alle esigenze di indagine delle forze di polizia, rientra nell’a più ampia iniziativa del ‘Controllo del Vicinato’ lanciata dall’amministrazione comunale e che ora compirà un ulteriore passo in avanti, con il via libera da parte del Ministero dell’Interno e la sottoscrizione del patto per la sicurezza, in programma il 14 luglio in Prefettura.
“Da tempo abbiamo messo in campo risorse umane e tecnologiche per incrementare la sicurezza urbana, effettuando, tra l'altro,  un monitoraggio costante di ampie aree urbane con sistemi di videosorveglianza costistenti in una piattaforma integrata di sicurezza – dichiara il vicesindaco e assessore alla sicurezza urbana del Comune, Roberto Grigoletto - Il sistema è mantenuto in costante aggiornamento: le immagini così raccolte vengono utilizzate dalle forze di polizia per ricostruire eventi delittuosi, individuarne il responsabile e perseguirne gli autori”.
Attualmente la polizia locale dispone di 125 telecamere di cui il 40 per cento in centro storico e il 60 per cento in periferia. Le tipologie delle telecamere sono le più varie: dome, fisse panoramiche, fisse lettura targa e ogni anno consentono di estrarre circa 13mila ore di dati. Alle telecamere presenti vanno aggiunte le tre centrali di controllo gestite rispettivamente da polizia locale, Carabinieri e Questura. Nel 2016 grazie al sistema di videosorveglianza è stato possibile rilevare e ricostruire 160 incidenti tra cui un mortale, 12 omissioni di soccorso o fughe post incidente, 18 rapine risse o truffe analizzate e risolte, 50 atti vandalici.
Nonostante la partecipazione da parte di Ca' Sugana anche a bandi regionali e l’insistallazione di nuovi occhi elettronici, oggi il numero di telecamere presenti non copre tutto il territorio comunale. Durante le indagini, spesso si fa ricorso alle immagini che i privati, attraverso i loro impianti, registrano nei loro archivi. “Per questo era necessario attivare un progetto innovativo che vede la collaborazione attiva dei cittadini e dei privati”, ribadisce l'assessore.
Dunque, innanzitutto, verrà chiesto ad imprenditori e cittadini, su base volontaria di segnalare alla Polizia locale, i sistemi di videosorveglianza in funzione all'esterno della propria azienda o della propria abitazione in centro storico. Poi, dopo una serie di verifiche tecniche e di trasmissione, verrà creato una sorta di ulteriore banca dati con le immagini di questi impianti, a disposizione delle forze dell'ordine. In seguito il progetto verrà esteso anche ai quartieri.
“Si prevede che le prime due fasi siano completate entro l'anno in corso – dichiarano il vicecomandante della polizia locale Roberto Mazzon e il referente del progetto per la Polizia locale di Treviso Aurelio Valenti - mentre la fase 3 sarà avviata e conclusa nel 2017”.
I cittadini trevigiani e le aziende del territorio che possiedono sistemi di videosorveglianza privati possono mettersi in contatto con il Comando di Polizia Locale, inviando una mail contenente i riferimenti principali a tic@comune.treviso.it. Verranno successivamente contattati dal personale della Polizia locale per l'adesione al progetto, attraverso la stipula di una convenzione e la raccolta dei dati relativi a ciascun impianto. Su richiesta potranno essere fornite delucidazioni o chiarimenti sulla normativa vigente in materia di videosorveglianza e privacy.