Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Montebbelunese, si è spenta a 90 anni, i funerali giovedì a Col S. Martino

SI È SPENTA RINA VENDRAMINI, ANIMA DELLA TRATTORIA "DA CONDO"

Era la moglie di Giocondo Canel, fondatore del noto ristorante


MONTEBELLUNA - Si è spenta alla bella età di 90 anni Rina Vendramini, vedova Canel. Era molto conosciuta e stimata, non solo a Col San Martino ma in tutto il Quartier del Piave.
Dalle scarpe alla tavola: Rina Vendramini era nata da una nota famiglia di calzolai a Montebelluna il 12 ottobre 1925. Ed è proprio facendo i mercati nel Quartier del Piave, vendendo scarpe, che conosce, si innamora e sposa Giocondo Canel, novello oste negli anni del dopoguerra. E’ allora che fa di una necessità una virtù, inventandosi cuoca per aiutare “Condo” nel lavoro in trattoria. I figli conservano ancora le ricette scritte di suo pugno su qualsiasi pezzo di carta, suggerite da qualche cliente più edotto nell’ arte culinaria. Sono gli anni del boom, pochi sono i locali nella zona: si lavora sette giorni su sette, dalle 6 di mattina per i primi caffè ospitando anche il medico e il farmacista del paese che avevano - per così dire - ufficio alla Locanda da Condo, dove la gente si rivolgeva alla Siora Rina per prenotare le visite. Non c’erano giorni di chiusura e si teneva aperto fino alle due di notte per gli irriducibili avventori della ormai nota osteria. Quanti personaggi son passati di qui! Arrivano anche gli artisti, i giornalisti, Bepi Mazzotti, Soldati, Mastroianni e la Rina silenziosa ma caparbia aiutante di Condo sa ospitare sempre col sorriso, allevando nello stesso tempo tre figli e “governando” il suo estroso e gioioso marito.
Negli anni '90 lascia spazio infine al figlio Enrico, ritirandosi nella sua Montebelluna ma non dimenticando mai Col San Martino: tante sono le sue visite alla Locanda per salutare le due nipotine e aiutare ancora alla sua maniera in cucina. Tanto è l'amore per il suo lavoro,  che anche in questi ultimi anni, ospite dell'Istituto Botteselle, si faceva portare dal figlio di nascosto la verdura da pulire per sentirsi attiva e vicina alla sua famiglia. Si è spenta serenamente la mattina del 5 luglio.
Rina Vendramini lascia nel più profondo dolore i figli Bruno, Paolo ed Enrico. Il Santo Rosario sarà celebrato questa sera alle 20, nella chiesa parrocchiale di Col San Martino, mentre le esequie si celebreranno domani nella stessa chiesa alle 15.
Diego Berti