Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/261: IL RITORNO DELLA TIGRE

Tiger Woods trionfa nel Mastersdi Augusta


AUGUSTA - Questo è il primo Major stagionale, il più ambito. Ha luogo nella consueta cornice dell’Augusta National, in Georgia, quel percorso tanto voluto dal mitico campione Bobby Jones. In Campo è presentela crema dei professionisti,i migliori giocatori del mondo, e tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/260: WGC, L'ÉLITE MONDIALE SI SFIDA IN MATCH PLAY

Vittoria a Kisner, ottimo terzo Francesco Molinari


AUSTIN (TEXAS) - È il secondo dei quattro eventi stagionali del World Golf Championship, le cui gare sono di livello inferiore solo ai major. Il WGC -Dell Technologies Match Play che si gioca in Texas sul percorso dell’Austin CC, è di spessore assoluto: nel field sono stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/259: AL VIA LA NUOVA STAGIONE DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Come di consueto l'Aigg apre il campionato 2019 al Marco Simone


ROMA - La primavera era già esplosa, quando siamo andati a Roma per l’avvio del tour dei giornalisti golfisti. Alla prima giornata di tappa, però, abbiamo preso la pioggia. Come di consueto, il primo incontro era al Marco Simone Golf & Country Club, alle porte di Roma, che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Arrestato anche un imprenditore, tutti ai domiciliari

CORRUZIONE, DUE FINANZIERI DI TREVISO IN MANETTE

Avrebbero ricevuto regali per ammorbidire i controlli


TREVISO - Avrebbero ricevuto regali per "ammorbidire" una verifica fiscale. In una parola, corruzione: è questa l'accusa nei confronti di un capitano e di un luogotenente della Guardia di Finanza in servizio a Treviso. I due finanzieri sono stati arrestati questa mattina, dai loro stessi colleghi del Nucleo tributario. Posti ai domiciliari, così come un imprenditore: l'industriale avrebbe donato ai due militari degli oggeti di valore, per ringraziarli del trattamento di favore ricevuto nel corso di un controllo.
"C'è amarezza per quel che è successo – ha commentato il comandante provinciale della Guardia di Finanza, Alessandro Serena - ma questo episodio dimostra che la nostra istituzione funziona".