Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni promuove un incontro tra i soci in un Campo da Golf, con l’intento di far chiarezza su qualcosa di particolare emerso nella stagione. Puntualizzare,e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/144: A DUBAI IL DP WORLD TOUR CHAMPIONSHIP

Vince l'inglese Fitspatrick, ad Henrik Stenson la Race to Dubai


DUBAI - Avevamo lasciato i nostri azzurri sull’European Tour al termine del Turkish Airlines Open, con la speranza che Manassero e Paratore conquistassero in Sud Africa la carta per giocare a Dubai. Paratore ce l’ha fatta, e son contento. Manassero no, e mi dispiace. Restano quindi a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Arrestato anche un imprenditore, tutti ai domiciliari

CORRUZIONE, DUE FINANZIERI DI TREVISO IN MANETTE

Avrebbero ricevuto regali per ammorbidire i controlli


TREVISO - Avrebbero ricevuto regali per "ammorbidire" una verifica fiscale. In una parola, corruzione: è questa l'accusa nei confronti di un capitano e di un luogotenente della Guardia di Finanza in servizio a Treviso. I due finanzieri sono stati arrestati questa mattina, dai loro stessi colleghi del Nucleo tributario. Posti ai domiciliari, così come un imprenditore: l'industriale avrebbe donato ai due militari degli oggeti di valore, per ringraziarli del trattamento di favore ricevuto nel corso di un controllo.
"C'è amarezza per quel che è successo – ha commentato il comandante provinciale della Guardia di Finanza, Alessandro Serena - ma questo episodio dimostra che la nostra istituzione funziona".