Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma è festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Arrestato anche un imprenditore, tutti ai domiciliari

CORRUZIONE, DUE FINANZIERI DI TREVISO IN MANETTE

Avrebbero ricevuto regali per ammorbidire i controlli


TREVISO - Avrebbero ricevuto regali per "ammorbidire" una verifica fiscale. In una parola, corruzione: è questa l'accusa nei confronti di un capitano e di un luogotenente della Guardia di Finanza in servizio a Treviso. I due finanzieri sono stati arrestati questa mattina, dai loro stessi colleghi del Nucleo tributario. Posti ai domiciliari, così come un imprenditore: l'industriale avrebbe donato ai due militari degli oggeti di valore, per ringraziarli del trattamento di favore ricevuto nel corso di un controllo.
"C'è amarezza per quel che è successo – ha commentato il comandante provinciale della Guardia di Finanza, Alessandro Serena - ma questo episodio dimostra che la nostra istituzione funziona".