Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Arrestato anche un imprenditore, tutti ai domiciliari

CORRUZIONE, DUE FINANZIERI DI TREVISO IN MANETTE

Avrebbero ricevuto regali per ammorbidire i controlli


TREVISO - Avrebbero ricevuto regali per "ammorbidire" una verifica fiscale. In una parola, corruzione: è questa l'accusa nei confronti di un capitano e di un luogotenente della Guardia di Finanza in servizio a Treviso. I due finanzieri sono stati arrestati questa mattina, dai loro stessi colleghi del Nucleo tributario. Posti ai domiciliari, così come un imprenditore: l'industriale avrebbe donato ai due militari degli oggeti di valore, per ringraziarli del trattamento di favore ricevuto nel corso di un controllo.
"C'è amarezza per quel che è successo – ha commentato il comandante provinciale della Guardia di Finanza, Alessandro Serena - ma questo episodio dimostra che la nostra istituzione funziona".