Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/157: IN MALESIA TRIONFA IL "QUASI ITALIANO" ZANOTTI

Tra gli azzurri bene Manassero e Paratore, "tagliato" Molinari


Prova impegnativa, per Nino Bertasio, Edoardo Molinari, Renato Paratore e Matteo Manassero, gli azzurri impegnati al Saujana G&CC di Kuala Lumpur in Malesia, nel torneo dell’European Tour organizzato dal 9 al 12 febbraio in collaborazione con Asian Tour. In palio c’erano 2.810.000...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/156: SERGIO GARCIA ╚ IL MIGLIORE AL DESERT CLASSIC

A Dubai grandi nomi e... neve, delude Tiger Woods


DUBAI - Dal 2 al 5 febbraio, l’evento dell’European Tour che ha visto la partecipazione di Tiger Woods, e cui prendevano parte anche gli azzurri Matteo Manassero, Renato Paratore e Nino Bertasio. All’Emirates GC di Dubai Par 72. A difendere il titolo, era l’inglese Danny...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/155: I 25 ANNI DEL CLUB "I SALICI" DI TREVISO

Tra gli eventi per l'anniversario anche una Lousiana a due


TREVISO - Domenica 29 gennaio è partita la prima delle gare di corollario, al festeggio delle nozze d’argento che il Golf Club "I Salici" di Treviso celebra quest’anno: una gara di coppia, Louisiana a due. Ho avuto l’opportunità di partecipare anch’io, ed...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Arrestato anche un imprenditore, tutti ai domiciliari

CORRUZIONE, DUE FINANZIERI DI TREVISO IN MANETTE

Avrebbero ricevuto regali per ammorbidire i controlli


TREVISO - Avrebbero ricevuto regali per "ammorbidire" una verifica fiscale. In una parola, corruzione: è questa l'accusa nei confronti di un capitano e di un luogotenente della Guardia di Finanza in servizio a Treviso. I due finanzieri sono stati arrestati questa mattina, dai loro stessi colleghi del Nucleo tributario. Posti ai domiciliari, così come un imprenditore: l'industriale avrebbe donato ai due militari degli oggeti di valore, per ringraziarli del trattamento di favore ricevuto nel corso di un controllo.
"C'è amarezza per quel che è successo – ha commentato il comandante provinciale della Guardia di Finanza, Alessandro Serena - ma questo episodio dimostra che la nostra istituzione funziona".