Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/175: PARLA INGLESE L'OPEN DE FRANCE

Tommy Fleetwood vince l'evento Rolex Series di Parigi


PARIGI - È partito il giorno 29 giugno a Guyancourt, al golf National nei pressi di Parigi, il maggior incontro della stagione golfistica 2017, l’evento Rolex Series del Tour europeo “Race to Dubai”, l’HNA Open de France. È una tappa importante del circuito...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Zaia: "Dovrebbero ringraziare dell'ospitalità, non protestare"

PROFUGHI IN RIVOLTA ALL'EX ZANUSSO: "CONDIZIONI INVIBILI"

I migranti scendono in strada e chiedono wi-fi e cibo migliore


ODERZO - Tensione all'ex caserma Zanusso di Oderzo. I profughi ospitati nella struttura sono scesi in strada per protestare contro il sovraffollamento – circa 250 persone – e le condizioni di alloggio, a loro dire non consone.
Sotto il controllo dei Carabinieri, un centinaio di immigrati ha dato vita ad una sorta di sit-in, alzando anche pezzi di cartone con su scritto, in inglese, “Abbiamo bisogno di una casa in cui vivere". Bloccata anche la strada.
Dopo alcune ore di trattative la situazione è rientrata normalità. I migranti hanno scritto una lettera indirizzata al prefetto Laura Lega, pe chiedere di poter disporre di wi-fi, cibo migliore, orari più flessibili, oltre ad una riduzione degli ospiti presenti nell'ex complesso militare.
La prefettura di Treviso, in una nota, ha fatto sapere, che le richieste "saranno valutate secondo i criteri generali in uso per i richiedenti asilo". “Presso l'ex caserma Zanusso - precisa nel comunicato l'ufficio territoriale del governo - sono stati garantiti i necessari controlli da parte delle forze dell'ordine, a seguito dei quali è emerso che le richieste sono state avanzate in un cointesto pacifico e che non si sono verificati episodi di tensione né disagi, o disordini di alcun genere".
Il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ha però sottolineato come “Con tutta la disponibilità ed il rispetto che possiamo e dobbiamo avere per una persona che scappa dalla morte e dalla fame ci aspettiamo, tuttavia, che chi dovrebbe godere dello status di rifugiato venga qui a ringraziare e non a protestare, creando disordini e disagio. Le comunità ospitanti vanno rispettate e non calpestate con veri e propri atti di inciviltà come quelli che stiamo vedendo in queste ore a Oderzo”.
Il governatore ha ribadito la preoccupazione che le proteste, i disordini ed i blocchi del traffico stiano diventando un metodo, sempre più diffuso a livello nazionale. “Si tratta di un elemento da non sottovalutare e che crea preoccupazione perché – conclude Zaia - se questo è l’effetto derivante dall’ospitalità e dall’accoglienza, la situazione rischia davvero di degenerare e di diventare un problema sociale”.