Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/175: PARLA INGLESE L'OPEN DE FRANCE

Tommy Fleetwood vince l'evento Rolex Series di Parigi


PARIGI - È partito il giorno 29 giugno a Guyancourt, al golf National nei pressi di Parigi, il maggior incontro della stagione golfistica 2017, l’evento Rolex Series del Tour europeo “Race to Dubai”, l’HNA Open de France. È una tappa importante del circuito...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ai domiciliari anche Andrea Ongetta, imprenditore di Ponte di Piave

OROLOGI DA 5MILA EURO PER ADDOMESTICARE I CONTROLLI

Accusati Stefano Arrighi e Biagio Freni della Gdf di Treviso


TREVISO - Un orologio da 5mila euro a testa. Con questo "regalo", secondo le contestazioni, i due finanzieri della Guardia di Finanza di Treviso si sarebbero fatti corrompere per "addomesticare" i controlli su un'azienda. Ai domiciliari con l'accusa di corruzione sono finiti il capitano Stefano Arrighi e il luogotenente Biagio Freni. Il primo, friulano di Udine, dal 2009 al 2012 aveva comandato la tenenza di Conegliano, prima di passare al Nucleo tributario di Treviso. Il sottoufficiale Freni, di Scorzè, ma siciliano d'origine, è in servizio al comando di Treviso dal quasi vent'anni. Agli arresti, è stato posto anche l'imprenditore Andrea Ongetta, 60 anni, titolare dell'omonimo gruppo di Levada di Ponte di Piave, specializzato nei filati di seta, azienda nota per sponsorizzare anche un team del Motomondiale.
Intercettazioni ambientali e filmati proverebbero vari incontri tra i due militari e l'imprenditore: un video, in particolare, avrebbe ripreso la consegna da parte dell'industriale degli orologi. Prove schiacciati secondo la Procura. A disporre la misura cautelare degli arresti domiciliari, è stato il giudice per le indagini preliminari Silvio Maras, su richiesta del pubblico ministero Giulio Caprarola, che coordina l'indagine avviato a fine marzo. E non ancora conclusa: gli inquirenti, infatti, stanno verificando se quello in questione sia l'unico episodio di corruzione e se vi possano essere altri soggetti coinvolti. Nei prossimi giorni si terrà l'interrogatorio di garanzia e i legali degli indagati hanno già assicurato che i loro assistiti chiariranno la loro posizione.