Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/152: IN SUDAFRICA, EDO MOLINARI TRA I PROTAGONISTI

Nella tappa "australe" dell'European Tour si impone l'inglese Storm


Edoardo Molinari, Nino Bertasio e il dilettante romano Philip Geerts, sono gli azzurri impegnati nel torneo BMW South African Open dell’European Tour, combinato con il Sunshine Tour, in atto dal 12 al 15 gennaio. Il Campo di gioco è il Glendower (par 72) di City of Ekurhuleni. Il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/151: GLI AZZURRI ALLA QUALIFICAZIONE PER IL TOUR ASIATICO

Alle Hawaii via al Pga: nel torneo dei campioni comanda Justin Thomas


Due interessanti manifestazioni in questi giorni, alle Hawaii e in Tailandia: mentre la PGA americana dà il via al torneo riservato ai vincitori della scorsa stagione che segna anche l’inizio del Tour statunitense, gli azzurri Alessandro Tadini (piemontese) e Aron Zemmer (ventiseienne...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/150: IL BILANCIO AZZURRO DI UN ANNO SUI GREEN

Francesco Molinari ancora troppo solo e 4 nuove proette nel Tour


TREVISO - Ha ricevuto pennellate di azzurro da parte dei nostri giocatori, il mondo del professionismo nel 2016; si sono registrati ottimi risultati: di spicco, al consuntivo dell’annata, il trionfo di Francesco Molinari nel 73° Open d’Italia. Altrettanto bene si può dire per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sgominato traffico di immigrati verso il Regno Unito

CLANDESTINI TRAVESTITI DA ULTRAS E DOCUMENTI RUBATI

A Conegliano una delle basi dei gruppi criminali


CONEGLIANO - Gestivano un flusso internazionale di immigrati clandestini, travestendoli anche da tifosi di calcio.
La Polizia di frontiera di Venezia e Verona, nell'ambito di un'inchiesta coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo di Venezia, ha disarticolato due distinti gruppi criminali. La loro attività era reclutare centinaia di cittadini albanesi e kosovari, da far entrare illegalmente nel Regno Unito attraversando le frontiere in aeroporti e porti di Italia, Austria, Francia, Germania, Irlanda, Polonia, Spagna e Portogallo. Una novantina le persone, italiani, albanesi e britannici, indagate con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell'immigrazione illegale.
I due sodalizi agivano da una rete di basi logistiche situate a Conegliano e Verona, oltre che a Londra e la città di Burrel, nel nord dell'Albania. I trafficanti utilizzavano carte di identità in bianco, rubate in uffici comunali situati in Veneto, Molise, Lazio e Piemonte, oppure fornite da giovanissimi ragazzi italiani in cambio di denaro. In molti casi utilizzavano anche la tecnica del cosiddetto "swapping", ossia la sostituzione della carta d'imbarco e il cambio, all'ultimo momento, del gate per un volo con destinazione diversa.
Per far giungere i migranti oltre Manica, venivano anche organizzate delle finte comitive di supporter di calcio, come in occasione dell'incontro di Champions League Manchester City - Roma, del 30 settembre 2014, con i clandestini, all'Aeroporto di Nizza, camuffati con sciarpe e magliette della squadra giallorossa.
Anche il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, si è complimentato con la magistratura e le forze dell'ordine per il blitz: “Un’operazione di legalità brillante e difficile – sottolinea il governatore – che conferma l’esistenza di un fenomeno migratorio clandestino vasto e gestito direttamente dalla malavita, con ingenti proventi illeciti e con risvolti inquietanti, perché attraverso questi canali può arrivare ovunque letteralmente di tutto, anche delinquenti comuni o terroristi. Gli investigatori veneti hanno dato un segnale forte, che va colto a livello nazionale, in un Paese dove l’immigrazione clandestina agisce con troppa facilità e la criminalità organizzata si è di fatto impossessata anche del fenomeno immigratorio dal Nordafrica”.
“Chi aveva dubbi sul fatto che l’immigrazione non sia composta solo di profughi (un terzo del totale) – conclude Zaia – ma costituisca anche un enorme business, sia negli aspetti legali che in quelli criminali, è accontentato”.