Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/157: IN MALESIA TRIONFA IL "QUASI ITALIANO" ZANOTTI

Tra gli azzurri bene Manassero e Paratore, "tagliato" Molinari


Prova impegnativa, per Nino Bertasio, Edoardo Molinari, Renato Paratore e Matteo Manassero, gli azzurri impegnati al Saujana G&CC di Kuala Lumpur in Malesia, nel torneo dell’European Tour organizzato dal 9 al 12 febbraio in collaborazione con Asian Tour. In palio c’erano 2.810.000...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/156: SERGIO GARCIA ╚ IL MIGLIORE AL DESERT CLASSIC

A Dubai grandi nomi e... neve, delude Tiger Woods


DUBAI - Dal 2 al 5 febbraio, l’evento dell’European Tour che ha visto la partecipazione di Tiger Woods, e cui prendevano parte anche gli azzurri Matteo Manassero, Renato Paratore e Nino Bertasio. All’Emirates GC di Dubai Par 72. A difendere il titolo, era l’inglese Danny...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/155: I 25 ANNI DEL CLUB "I SALICI" DI TREVISO

Tra gli eventi per l'anniversario anche una Lousiana a due


TREVISO - Domenica 29 gennaio è partita la prima delle gare di corollario, al festeggio delle nozze d’argento che il Golf Club "I Salici" di Treviso celebra quest’anno: una gara di coppia, Louisiana a due. Ho avuto l’opportunità di partecipare anch’io, ed...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dopo lo stop, il sindaco Giuseppe Nardi: "Si riparte!"

FARRA DI SOLIGO, SBLOCCATO IL PIGNORAMENTO

Il giudice accoglie il controricorso del Comune


FARRA DI SOLIGO - "Farra riparte". Ad annunciarlo è stato il sindaco Giuseppe Nardi: il giudice del Tribunale di Treviso ha accolto il ricorso presentato dall'amministrazione municipale ed ha sbloccato il conto corrente del Comune. L'ente aveva subito un pignoramento da 3,8 milioni di euro, che di fatto aveva bloccato ogni capacità: l'amministrazione aveva così dovuto sospendere molti servizi non essenziali, non avendo più copertura finanziaria, ma il timore era soprattutto per i mesi prossimi. Il provvedimento risale ad una vicenda di metà anni '90 del secolo scorso: i proprietari dei terreni, dove è stata realizzata una lottizzazione, avevano intentato una causa ritenendo non adeguati gli indennnizzi ricevuti per l'esproprio.