Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Amministrazione al contrattacco dopo la denuncia di Khezraji

"LA COOPERATIVA HILAL NON PUÒ OSPITARE I PROFUGHI"

Per il Comune edificio inagibile e non a norma


VILLORBA - Il Comune di Villorba, già con provvedimento inoltrato il 14 giugno, aveva segnalato alla cooperativa Hilal che per l’abitazione sita in via del Capitello 37 non era mai stata presentata alcuna documentazione per il rilascio dell’abitabilità. Rispetto infatti al progetto abitativo presentato nel 2003 e mai concluso, risultano esserci – dopo opportuni sopralluoghi - difformità di tipo planimetrico (come accessi e altezze) e di tipo igienico sanitario.
La cooperativa Hilal non ha mai provveduto a presentare i documenti previsti dalla legge per attestare la conformità di impianti e la stabilità dell’edificio e ha preferito non rispondere ufficialmente al provvedimento. In data 11 luglio è stata notificata un’ordinanza che attesta l’inagibilità dell’edificio con divieto di abitare o esercitare attività nell’immobile.
Dai sopralluoghi dei giorni scorsi risultano difformità anche negli impianti di fornitura del gas, motivo per cui è stato richiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco che hanno confermato l’utilizzo di impianti non a norma.
Dal sopralluogo e da un’ulteriore verifica con Contarina risulta che la cooperativa Hilal non abbia ancora aperto la pozione come unità abitativa per la raccolta dei rifiuti. Omissione che costringe attualmente le 14 persone ospitate a vivere nell’accumulo maleodorante di immondizie parcheggiate in giardino.
Abdellah Khezraji, contattato telefonicamente dalla Polizia Locale, è stato invitato a far fronte alle responsabilità previste dalla legge e con l’occasione gli è stato fatto presente che la cooperativa - già nell’ottemperanza dell’obbligo di Comunicazione di ospitalità (art. 7 del DLGS n. 286/98) - non ha ancora fornito correttamente i documenti identificativi ed idonei al riconoscimento dello status di soggiorno.
I sopralluoghi e l’ordinanza dell’11 luglio sono stati effettuati in un’ottica di verifica delle condizioni di sicurezza delle persone ospitate e delle famiglie confinanti, che vivono adiacenti alla casa non conforme all’uso abitativo.
Per tanto, la querela della cooperativa riceverà risposta dal Comune in opportune sedi giudiziarie.