Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/165: TWENTY DOUBLE CUP, LA RYDER VENETA

Tra sport e goliardia, i "Rossi" si aggiudicano la seconda edizione della gara


VENEZIA - Una competizione speciale, festosa, trascinante! Due gruppi di amici, abituati a sfottersi goliardicamente quando giocano a Golf, dopo una partita a Jesolo lo scorso anno, hanno avuto l’idea di provar a cimentarsi in gara a squadre, al fine che le rispettive derisioni trovassero...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/164: THE MASTERS , SERGIO GARCIA ╚ IL MIGLIORE DEI "MAESTRI"

Nel prestigioso major di Augusta, primo trionfo dello spagnolo


AUGUSTA (USA) - Siamo al primo dei quattro tornei stagionali di maggior spicco nella stagione golfistica maschile: i 4 Majors. Il Masters è torneo dal fascino antico, il più rilevante; dal 6 al 9 aprile se ne gioca l’edizione 81, sulle consuete 72 buche. È infatti l'unico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/163: IL CHALLENGE AIGG DIAVOLINA 2017 PRENDE IL VIA DAL MARCO SIMONE

L'ospitalitÓ di Laura Biagiotti e della figlia Lavinia per l'esordio del circuito dei giornalisti golfisti


ROMA - Come ogni anno, ha tappe importanti il challenge AIGG Diavolina. Questa laziale ne è il debutto, nella consueta due giorni romana, sicuramente considerevole. Oggi siamo al “Marco Simone” a Roma, proseguirà domani al “Terre dei Consoli” nel viterbese, per successivamente far tappa al “Bologna” e a “Le Fonti” in Emilia Romagna, a “Punta Ala” e “Terme di Saturnia” in Toscana, a “Cà della Nave” e “Montecchia” in Veneto, al “Colline del Gavi” e “Villa Carolina” in Piemonte, e a “Bergamo” e “Villa d’Este” in Lombardia. Oltre a questo giro d’Italia, c’è l’Alpen Cup in tre tappe nei GC di Asiago,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il governatore a Treviso per la sua candidatura a segretario del Pd

"PER SALVARE LE BANCHE IN CRISI, LO STATO ENTRI NEL CAPITALE"

La proposta di Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana


TREVISO - Un partito che riscopra le sue radici di forza politica "vicina ai ceti popolari e ai lavoratori", battendosi per "una redistribuzione della ricchezza ed una maggiore eguaglianza sociale". Enrico Rossi non ha timore ad usare la parola "socialismo" ("Che non significa guardare la passato"), tanto da aver intitolato il suo ultimo libro "Rivoluzione socialista". Il presinete della Toscana è in questi giorni in Veneto per presentare la sua candidatura a segretario del Pd, in vista del congresso del prossimo anno.
In Veneto sono forti le istanze di autonomia e indipendenza: "Concordo con Zaia sul rischio di un neocentralismo - ribadisce Rossi -, ma non si possono creare tanti staterelli". Secondo il governatore toscano il primo passo consiste nello sfruttare al meglio gli articoli 118 e 119 della Costituzione, che "già offrono significativi margini di autonomia". Ma per Rossi il numero attuale delle regioni italiane (venti) è eccessivo: andrebbero dimezzate a dieci, aggregando le entità più piccole e creando macroregioni con più peso sia a livello nazionale che europeo.
Riguardo alla crisi delle banche, il 57enne pisano sottolinea la necessità di perseguire le eventuali resposanibilità, ma sollecita anche un interevnto statale nella banche. Una soluzione ricorda, caldeggiata anche da economisti di provata fede liberale, come Giavazzi, Alesina o Zingales, e messa in pratica anche negli Stati Uniti, dove, dopo il risanamento, il pubblico ha rivenduto le partecipazioni, con guadagni poi redistribuiti agli azionisti-risparmiatori.

Galleria fotograficaGalleria fotografica