Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Morto a Venezia il dirigente che rese famoso il basket trevigiano

ADDIO BEPPE DE STEFANO, IL GM DELLA GRANDE BENETTON

Aveva 85 anni, ci regal˛ Kukoc, Del Negro e Rusconi


TREVISO - Ciao Beppe. Lunedì è morto a Venezia Beppe De Stefano. Il mondo della pallacanestro trevigiana piage uno dei suoi personaggi più famori. Fu lui, ai tempi della Benetton, a portare a Treviso stelle come Del Negro, Kukoc e Rusconi. Classe 1931, astigiano purosangue, De Stefano mosse i primi passi cestistici alla Libertas Asti dove resterà fino al 1955 quando passerà alla Riv Torino. Ci starà quattro anni, anche in A (in realtà la seconda serie dell’epoca) per tornare ad Asti agli inizi degli anni ’60 a dare una mano alla Libertas. Nel frattempo è stato più volte negli Stati Uniti per motivi di lavoro cogliendo l’occasione per stringere rapporti con alcune della franchigie Nba che rinsalderà molti anni dopo quando sarà gm della Benetton (in particolare con i San Antonio Spurs).

Nel 1966 è uno degli artefici della fusione tra Astense e Libertas sotto il nome di Saclà.

Alla vigilia della conclusione del ciclo torinese, passa alla Benetton dove riuscirà a vincere lo scudetto nel 1992, la Coppa Italia l’anno successivo e a raggiungere la finale di Eurolega. Risale a questi anni la decisione di Beppe di stabilirsi per qualche mese all’anno a Venezia, che diventerà poi la sua abituale residenza. Nel frattempo però torna ad Asti, alla fine degli anni ’90 e mette la sua esperienza al servizio del basket astigiano. Seguirà, in veste dirigenziale e soprattutto di grande saggio con una rara esperienza di mercato, la crescita della Cierre che salirà fino alla B1. Negli ultimi anni si era dedicato al golf. Era sposato con Marisa Goria da cui aveva avuto i figli Giacomo e Barbara, entrambi architetti.
Nella foto De Stefano è con Audie Norris, altro suo giocatore, a Venezia.