Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitą coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'incidente sopra Pala Favera, interviene il Soccorso alpino

SCIVOLA MENTRE VA A FUNGHI E SI ROMPE UNA GAMBA

Disavventura per un 50enne coneglianese in Val di Zoldo


ZOLDO ALTO - Mentre stava cercando funghi in Val di Zoldo, nel bosco sopra Pala Favera, nel Bellunese, un 50enne trevigiano è scivolato, caendo rovinosamente e procurandosi la sospetta frattura di una gamba. L'uomo, residente a Conegliano, è comunque riuscito a dare l'allarme: il Soccorso alpino, ottenute le coordinate Gps del punto in cui si trovava il fungaiolo, grazie all'applicazione per smartphone in dotazione al corpo, ha inviato sul posto sette soccorritori. Questi, una volta raggiunto il luogo dell'incidente, hanno caricato il ferito sulla barella e l'hanno portato a spalle a valle per circa 400 metri, fino alla strada dove, infine, è stato affidato all'ambulanza.