Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Iniziativa per sensibilizzare all'abbattimento delle barriere

IN GIRO PER LA CITTÀ COME CHI NON VEDE O È IN CARROZZINA

Passeggiata esperienziale in centro per 40 studenti di Ca' Foscari


TREVISO - A spasso per la città "guardando" con gli occhi di chi non vede o vede male e seduti su una carrozzina, così come devono fare tutti i giorni coloro le persone con ridotta mobilità.
Sarà una passeggiata finalizzata a provare le stesse esperienze di queste persone quella che compiranno mercoledì prossimo i quaranta giovani del The Urban Innovation Bootcamp dell’Università Ca’ Foscari. Ad accompagnarli, i responsabili del GAAC (Gruppo di Associazioni per un’Abile Città) che da anni collabora con l’amministrazione comunale trevigiana per l’abbattimento di tutte le barriere: architettoniche, percettive e culturali.
I  ragazzi, divisi in due gruppi, partiranno dalla stazione ferroviaria alle 9, per poi, terminato il giro, trarre un bilancio collettivo sull'attività.
"Siamo convinti -, dice Sergio Costanzo, responsabile del GAAC, - che costruire una cultura dell’accessibilità sia il primo, necessario passo verso un mondo privo di barriere. Un obbiettivo ambizioso e che richiederà anni d’impegno per essere raggiunto. Tuttavia è un obiettivo necessario: un mondo accessibile per chi non vede o non può camminare, è un mondo più amichevole per anziani, mamme con passeggini e carrozzine e, in definitiva per tutti".