Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitą coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, in via Feltrina vendita di materiali ferrosi e non

MAGAZZINO METALLI RACCOGLIE L'EREDITĄ DI FERRAMENTA COLLE

Due ex dipendenti della storica ditta ripartono con un nuovo negozio


TREVISO - Dallo spettro disoccupazione all’imprenditoria, è la storia a lieto fine di Andrea Benvenuto (47 anni) e Lorenzo Mazzali (28), ex dipendenti di Ferramenta Colle. Dopo la chiusura della storica azienda trevigiana e la mobilità, i due hanno deciso di intraprendere la sfida di rilanciarne l’attività. Oggi, infatti, Andrea e Lorenzo sono titolari di Magazzino Metalli srls, magazzino di vendita all’ingrosso e al dettaglio di materiali ferrosi e non, che raccoglie l’eredità del principale e originario settore di attività della Colle, la vendita su misura di lastre e profili metallici: "La Colle era stata fondata con questo reparto e ci dispiaceva morisse così – spiega Lorenzo – soprattutto perché vedevamo che continuava ad esserci richiesta. Rispetto agli altri magazzini, che vendono lastre e profili interi, noi ci distinguiamo per il servizio di vendita su misura, come era caratteristica della Colle: vendiamo pezzi di tutte le misure, anche se ci vengono a chiedere 20 centimetri di ottone".
Magazzino Metalli si trova al civico 198/b di via Feltrina e occupa uno spazio di mille metri quadri, all’interno di un fabbricato di proprietà del Gruppo Basso/Lefim. Proprio il contatto con il gruppo edile trevigiano ha rappresentato una svolta per i due imprenditori: "Abbiamo visto un cartello di affitasi, così è nato il primo contatto – racconta Andrea – avevamo da tempo questa idea prendere in mano un settore che era un po’ trascurato, ma che continuava a funzionare. La Ferramenta Colle ha chiuso nel 2014, trasferendo un ramo d’attività a quella che poi è diventata Ferramenta Ovest e che nel giro di un anno ha messo i dipendenti in mobilità. A quel punto abbiamo deciso di metterci in proprio, negoziando con Ferramenta Ovest l’acquisto del materiale e quindi trovando insieme a Gruppo Basso/Lefim la migliore soluzione per le nostre esigenze".
Magazzino Metalli è una realtà da circa un mese e mezzo e le prospettive sono più che positive: "Non è stato facile, ci siamo presi il rischio di investire la nostra indennità di mobilità per aprire l’attività – afferma Lorenzo – ma oggi siamo molto soddisfatti, c’è richiesta e riceviamo già ordini importanti. Per noi questa scelta è stata certamente un riscatto, ma siamo anche molto fieri di ereditare una tradizione trevigiana come quella di Ferramenta Colle. L’obiettivo è raggiungere nel primo anno il fatturato della Colle, per poi incrementarlo gradualmente".
"La vicenda di Magazzino Metalli rappresenta una conferma per la nostra strategia immobiliare – è il commento di Gruppo Basso/Lefim - Dopo la crisi degli ultimi anni che ha coinvolto diversi settori economici, abbiamo privilegiato imprese locali e aperto i nostri spazi all’entusiasmo di giovani imprenditori. Siamo felici di essere partner di un’azienda che ha il coraggio di raccogliere una sfida così importante. Siamo pronti a dialogare con tutte le categorie economiche per individuare delle soluzioni comuni nell’intento di rilanciare il commercio delle imprese locali".