Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il programma del ôFestival delle Tegn¨e del Veneto"

A JESOLO SBARCA LA RASSEGNA SUI FILM DI MARE

Le proiezioni in piazza Aurora dal primo al 3 agosto


Tre giorni all’insegna dei “film di mare in riva al mare” con la VI° edizione il “Festival delle Tegnùe del Veneto - Rassegna del Film di Mare”, a Jesolo Lido, dall’1 al 3 Agosto. Ideata da Alvaro Gradella, anche direttore artistico della manifestazione dedicata alla promozione dell’ambiente marino veneto ed alla cinematografia di mare che, dopo il successo dell’edizione 2015, torna nelle località di mare più prestigiose.

L’evento, inaugurato il 30 luglio a Rosolina, si sposta a Jesolo per poi arrivare la prossima settimana Bibione Pineda. "Come sempre, accoglieremo a bordo “cinenauti” di ogni età – precisa Gradella - li porteremo verso rotte cinematografiche, fra presente e passato, dove il Mare accompagnerà il pubblico fra pirati arcigni e mostri marini, sommozzatori formidabili e animali stupefacenti, profondità lontane e cataclismi leggendari, drammi umani e tormenti giovanili".

Le serate, che a Jesolo saranno all’Arena di Piazza Aurora, sono ad ingresso libero, all’insegna dello spettacolo e dello svago, ma anche fra amore e attenzione per l’ambiente marino del Veneto. "Il Mare sarà protagonista – continua Alvaro Gradella - anche nei video iniziali, in cui sarà possibile conoscere e ammirare l’Adriatico e le sue oasi naturalistiche, chiamate Tegnùe, protette e tenute sotto controllo dall’Assessorato Regionale all’Ambiente del Veneto." 

I "film di mare in riva al mare", scelti per la sesta edizione, dal 1 al 3 agosto, spazieranno da documentari di denuncia dal forte impatto emotivo come Una scomoda verità (2006), documentario di Davis Guggenheim con Al Gore (Oscar come miglior documentario 2015) e Un altro mondo (2014) di Thomas Torelli, presentato, fra gli altri, al “Rome Independent Film Festival 2014”, al “Phoenix Film Festival 2014” (USA) e al “Voices from the Waters International Film Festival 2014”; a film d’animazione, che faranno felici i più piccoli e le famiglie, come Quando c'era Marnie, nomination all’Oscar 2016; cui unire classici moderni come By the Sea (2015), con Angelina Jolie e Brad Pitt, diretto dalla stessa Jolie, e L’Isola del tesoro (1950). 
Un’ulteriore sorpresa sarà la presenza, nella serata del 3 agosto, di un ospite in più: la musica.
C’è uno strumento il cui suono vibrante e liquido ricorda magicamente, più di ogni altro, il moto ammaliante delle onde e lo scorrere antico dell’acqua, origine della vita: l’arpa. Una remota leggenda narra che una giovane dea forgiò questo strumento dalle spoglie di un animale marino, e quel suono alleviò le sue pene d’amore. Fu così che, dal mare, nacque quest’antico strumento. E a toccare le sue corde ci sarà Vincenzo Zitello, il più grande interprete italiano di Arpa Celtica e Bardica. 



Programmazione Festival delle Tegnùe del Veneto


DAL 1 AL 3 AGOSTO - JESOLO LIDO
Arena di Piazza Aurora

Lunedì 1
- ore 21: C'era una volta un'estate (2013), di N. Faxon e J. Rash, con Steve Carell e Sam Rockwell.
L'isola del tesoro (1950), di Byron Kaskn, con Bobby Driscoll.

Martedì 2 

- ore 21: Quando c'era Marnie (2015), film d’animazione di di Hiromasa Yonebayashi. Nomination Premio Oscar 2016 Miglior Film d'Animazione.
Una scomoda verità (2006), documentario di Davis Guggenheim, con Al Gore. Premio Oscar 2007 Miglior Documentario.

Mercoledì 3 
- ore 21: Performance di Vincenzo Zitello e le sue Arpe.
By the Sea (2015), di Angelina Jolie, con Angelina Jolie e Brad Pitt.
Un altro mondo (2014), documentario di Thomas Torelli. Presentato, fra gli altri, al “Rome Independent Film Festival 2014”, al “Phoenix Film Festival 2014” (USA) e al “Voices from the Waters International Film Festival 2014” (India).


Le Tegnùe

Le Tegnùe sono conformazioni rocciose, "scogliere sommerse", uniche per la struttura e per gli organismi che le abitano. Il termine "Tegnùe" deriva proprio dal dialetto locale e significa 'trattenute', usato dai pescatori per indicare la presenza di queste rocce, su cui si impigliavano le reti. Distribuite principalmente di fronte alle coste del Nord Adriatico, hanno incerta, ancora oggetto di studio, ma certamente un grosso apporto alla loro formazione è dovuto ad alghe calcaree e invertebrati bio-costruttori come i coralli. Nel 1966 Antonio Stefanon, in relazione a queste specifiche peculiarità le chiama 'le barriere coralline adriatiche', che, come quelle dei mari tropicali, possiedono un ambiente ricco di vita e biodiversità, e sono caratterizzate da rocce irregolari, ricche di anfratti, di gallerie e di cavità, usate da moltissimi organismi come riparo, rifugio o nursery. I subacquei, che s'immergono per visitarle, restano sorpresi per la biodiversità presente, caratterizzata da organismi animali e vegetali sessili (non in grado di spostarsi) e incrostanti, appariscenti per forme e colori, quali, ad esempio, spugne, anemoni, ascidie coloniali, e di numerose specie di pesci. Per queste caratteristiche e per ciò che rappresentano per il nostro mare Adriatico, le Tegnùe possono essere considerate delle vere e proprie oasi di biodiversità in mezzo ad una distesa sabbiosa apparentemente povera di organismi.

Biografia di Vincenzo Zitello

Vincenzo Zitello. Compositore, polistrumentista, concertista, tra i più importanti arpisti al mondo, e primo pioniere dell’Arpa Celtica in Italia dal 1977, inizia i suoi studi musicali come violinista, violista e flautista in giovanissima età. La sua formazione, di tipo classico, è stata ampliata da un articolato percorso artistico, che l’ha portato ad approfondire diversi linguaggi e stili musicali, per ottenere un risultato espressivo e personale che afferma una nuova e inconfondibile personale identità musicale. La musica di Vincenzo Zitello segue un preciso orientamento di ricerca che mira ad esaltare le insospettabili potenzialità che dimorano tra le corde delle sue arpe. In concerto ne utilizza due, suonate in alternanza, l’arpa Celtica e l’arpa Clarsach (o Bardica, con corde in metallo), due strumenti della tradizione Gaelica con caratteristiche sonore ed espressive differenti.