Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni promuove un incontro tra i soci in un Campo da Golf, con l’intento di far chiarezza su qualcosa di particolare emerso nella stagione. Puntualizzare,e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/144: A DUBAI IL DP WORLD TOUR CHAMPIONSHIP

Vince l'inglese Fitspatrick, ad Henrik Stenson la Race to Dubai


DUBAI - Avevamo lasciato i nostri azzurri sull’European Tour al termine del Turkish Airlines Open, con la speranza che Manassero e Paratore conquistassero in Sud Africa la carta per giocare a Dubai. Paratore ce l’ha fatta, e son contento. Manassero no, e mi dispiace. Restano quindi a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Il credito è globale, ma gli istituti territoriali valore aggiunto"

"VENETO BANCA TORNI EFFICIENTE PER SOSTENERE IL TERRITORIO"

L'auspicio di Innocente Nardi, presidente del Prosecco DOCG


MONTEBELLUNA - Innocente Nardi, viticoltore di Farra di Soligo, presidente del Consorzio di tutela del Prosecco Conegliano Valdobbiadene Superiore DOCG, è socio di Veneto Banca di lungo corso e ha anche fatto parte del cda dal 1999 al 2007. Nonostante sottolinei di non seguire più da vicino le vicende della banca e di non partecipare più alle assemblee da qualche anno, alla vigilia dell'assise che segnerà l'avvio della gestione del Fondo Atlante, riflette sul futuro dell'istituto montebellunese. A partire dall'importanza che la banca riveste nei confronti di un cruciale settore dell'economia della Marca, come quello vitinicolo.
“Come ogni banca - dice - anche Veneto Banca è importante nella misura in cui sostiene lo sviluppo delle aziende. Un sistema economico efficiente non può prescindere da banche altrettanto efficienti. Il settore agricolo, e quello vitivinicolo in particolare, ha una buona patrimonializzazione ed è in espansione: questo consente alle imprese di avere un merito creditizio alto. D'altro lato, abbiamo bisogno di finanziamenti per crescere. Serve dunque un rapporto costruttivo con banche, che conoscano il territorio e lo sappiano supportare. Veneto Banca in passato lo ha fatto”.
Nell'area storica del Prosecco, moltissimi produttori sono soci o clienti dell'istituto: “Con l'ex Popolare di Montebelluna, ma anche con Popolare di Vicenza, che ha incorporato la Piva, “la” banca di Valdobbiadene, come con le bcc, c'è un consolidato rapporto storico. E c'è un nocciolo duro che continua a guardare, in primis, alle banche locali. Le aziende un po' più strutturate hanno ormai l'esigenza e la possibilità di interloquire con varie banche, anche nazionali”. Il crollo delle azioni rappresenta senza dubbio una pesante batosta anche per molti imprenditori del comparto, anche se per Nardi "il nostro è colpito come altri settori e come tutto il Veneto".
Per il numero uno della DOCg, le banche territoriali comunque "continuano a rappresantare un valore aggiunto". “Oggi qualsiasi banca, locale o nazionale - conferma -, non si può permettere una valutazione del credito non basata su criteri oggettivi. Resto, però, convinto che, nei momenti di difficoltà ci sia bisogno di banche capaci di entrare nel merito, al di là dei meri numeri".
Proprio per questo motivo, pur non conoscendo nel dettaglio la situazione dei conti ed essendo consapevole della grave delicatezza del momento, l'augurio è che Veneto Banca possa presto risollevarsi: "Sono convinto che il Veneto sia un ottimo territorio, in cui banche efficienti possano ben supportare l'economia locale”.