Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sonorità che attingono alla world music, fusion, jazz e canzone d'autore

JAM FESTIVAL ESTATE CHIUDE A MIRA CON I FABULARASA

Il concerto venerdì 12 in Villa dei Leoni


MIRA - Tocca al "Rabdomanza Tour" di Fabularasa, in scena venerdì 12 agosto, sempre a Mira, a Villa dei Leoni alle ore 21, festeggiare il finale del Jam Festival Estate: world music, fusion, jazz e canzone d'autore giocano assieme nel sound di una band che produce ... "musica fatta a mano"! La  band è formata da Luca Basso, voce, Vito Ottolino, chitarre, Poldo Sebastiani, basso e Giuseppe Berlen, batteria e percussioni. 

Sonorità mediterranee, ritmiche robuste e solari, world music, fusion, jazz e canzone d’autore: questo sono i Fabularasa, un  laboratorio artigianale di suoni, musiche e versi aperto a Bari dal febbraio 2004. In dodici anni di attività il gruppo ha realizzato due album, entrambi accolti con entusiasmo dalla critica, tenuto numerosi concerti nelle più importanti città italiane; collaborato con grandi musicisti come Paul McCandelss, Gabriele Mirabassi, Nicola Stilo, Habbes Boufaria, Bruno De Filippi e Giua. Nel 2012 l’album “D’amore e di marea” ha conquistato il terzo posto assoluto nella categoria “Miglior disco italiano dell’anno” nella classifica delle Targhe Tenco (il più prestigioso premio musicale italiano). Quella dei Fabula è una musica “fatta a mano”, dunque, alla cui confezione i quattromusicisti si dedicano con perizia quasi sartoriale. Essenze jazz e fusion, sonorità mediterranee a vestire una canzone d’autore corsiva e corsara. (Biglietto, 5 euro. In caso di maltempo www.jamfestival.it)

E non si potrebbe concludere meglio la rassegna che - come appendice del più imponente festival primaverile - non è "solo" musica (sempre di qualità e appositamente scelta tra le migliori proposte dello scenario nazionale), ma anche attenzione e riscoperta di un territorio che merita di essere valorizzato per la sua bellezza e il suo valore storico, architettonico e paesaggistico. 
Villa dei Leoni, sede degli ultimi due concerti e già location interessata a molte attività culturali, anche grazie a Jam Festival può aprirsi d'estate e accostare la sua bellezza a sonorità nuove. Lo stesso si può dire per il Parco di Villa Loredan a Stra, che ha ospitato un concerto aprendo la villa cinquecentesca, e per Villa Concina a Dolo, dove il maltempo ha accompagnato il pubblico e i musicisti all'interno dell'edificio già sede della Biblioteca Comunale.

Jam Festival Estate è organizzato dalle Associazioni Culturali Keptorchestra e nusica.org, in collaborazione con la Scuola di Musica Thelonious Monk, la Fondazione Riviera-Miranese e i Comuni di Mira, Dolo e Stra e per la direzione artistica di Nicola Fazzini.