Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/175: PARLA INGLESE L'OPEN DE FRANCE

Tommy Fleetwood vince l'evento Rolex Series di Parigi


PARIGI - È partito il giorno 29 giugno a Guyancourt, al golf National nei pressi di Parigi, il maggior incontro della stagione golfistica 2017, l’evento Rolex Series del Tour europeo “Race to Dubai”, l’HNA Open de France. È una tappa importante del circuito...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Preso il lestofante, è un 37enne di Latisana

FURTI ALLA POLSTRADA: IL LADRO ERA UN POLIZIOTTO

E' già stato trasferito alla polstrada di Bologna


TREVISO - Sparivano i soldi dagli uffici: il ladro era un poliziotto. E' nei guai un agente della polstrada di Treviso, Cristian Deotti, 37enne di Latisana. Il poliziotto, già trasferito alla sede di Bologna in attesa del processo, è coinvolto nell’indagine coordinata dal pm Massimo De Bortoli e condotta suoi colleghi di Treviso. I furti, a quanto sembra parecchi, erano cominciati nella prima parte del 2016 fino a qualche mese fa, allorchè le prove nei suoi confronti sono diventate inconfutabili. Secondo l'accusa, Deotti approfittava dell'assenza dei colleghi per impossessarsi dei portafogli che le vittime lasciavano sulle scrivanie o nei borselli.