Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e università coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Preso il lestofante, è un 37enne di Latisana

FURTI ALLA POLSTRADA: IL LADRO ERA UN POLIZIOTTO

E' già stato trasferito alla polstrada di Bologna


TREVISO - Sparivano i soldi dagli uffici: il ladro era un poliziotto. E' nei guai un agente della polstrada di Treviso, Cristian Deotti, 37enne di Latisana. Il poliziotto, già trasferito alla sede di Bologna in attesa del processo, è coinvolto nell’indagine coordinata dal pm Massimo De Bortoli e condotta suoi colleghi di Treviso. I furti, a quanto sembra parecchi, erano cominciati nella prima parte del 2016 fino a qualche mese fa, allorchè le prove nei suoi confronti sono diventate inconfutabili. Secondo l'accusa, Deotti approfittava dell'assenza dei colleghi per impossessarsi dei portafogli che le vittime lasciavano sulle scrivanie o nei borselli.