Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/277: A PADOVA IL GOLF GIOVANILE INTERNAZIONALE

L'U.S. Kids Venice Open ospitato tra Galzignano, Montecchia e Frassenelle


PADOVA - È ancora una volta a Padova l’International U.S. Kids Venice Open, affollata da centinaia di atleti, provenienti da ogni parte del mondo. L’U.S. Kids è istituzione americana con 27 circoli affiliati in Italia, che ha il fine di aprire il Golf ai più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/276: LA CALMA DI PATRICK REED È VINCENTE AL NORTHERN TRUST

Lo statunitense bissa il successo del 2016 nel primo torneo della FedEx Cup


NEW JERSEY (USA) - È questa la prima delle tre gare valide per la FedEx Cup, inserita nel corso della stagione PGA Tour: tre tornei a eliminazione, giocati nel mese di agosto, che portano all’assegnazione di una grossa somma di denaro: 15 milioni di dollari del Jackpot al vincitore di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/275: LA FAVOLA DI "CENERENTOLA" SHIBUNO DIVENTA REALTÀ

La giapponese regina del British Open femminile


LITTE BRICKHILL (GBR) - È tempo di dare visibilità al Golf femminile, a “quell’altra metà del cielo”, che rende più brioso il Campo da Golf. L’organizzatore del torneo, il Royal & Ancient Golf Club di St. Andrews, la massima autorità...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Preso il lestofante, è un 37enne di Latisana

FURTI ALLA POLSTRADA: IL LADRO ERA UN POLIZIOTTO

E' già stato trasferito alla polstrada di Bologna


TREVISO - Sparivano i soldi dagli uffici: il ladro era un poliziotto. E' nei guai un agente della polstrada di Treviso, Cristian Deotti, 37enne di Latisana. Il poliziotto, già trasferito alla sede di Bologna in attesa del processo, è coinvolto nell’indagine coordinata dal pm Massimo De Bortoli e condotta suoi colleghi di Treviso. I furti, a quanto sembra parecchi, erano cominciati nella prima parte del 2016 fino a qualche mese fa, allorchè le prove nei suoi confronti sono diventate inconfutabili. Secondo l'accusa, Deotti approfittava dell'assenza dei colleghi per impossessarsi dei portafogli che le vittime lasciavano sulle scrivanie o nei borselli.