Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/165: TWENTY DOUBLE CUP, LA RYDER VENETA

Tra sport e goliardia, i "Rossi" si aggiudicano la seconda edizione della gara


VENEZIA - Una competizione speciale, festosa, trascinante! Due gruppi di amici, abituati a sfottersi goliardicamente quando giocano a Golf, dopo una partita a Jesolo lo scorso anno, hanno avuto l’idea di provar a cimentarsi in gara a squadre, al fine che le rispettive derisioni trovassero...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/164: THE MASTERS , SERGIO GARCIA ╚ IL MIGLIORE DEI "MAESTRI"

Nel prestigioso major di Augusta, primo trionfo dello spagnolo


AUGUSTA (USA) - Siamo al primo dei quattro tornei stagionali di maggior spicco nella stagione golfistica maschile: i 4 Majors. Il Masters è torneo dal fascino antico, il più rilevante; dal 6 al 9 aprile se ne gioca l’edizione 81, sulle consuete 72 buche. È infatti l'unico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/163: IL CHALLENGE AIGG DIAVOLINA 2017 PRENDE IL VIA DAL MARCO SIMONE

L'ospitalitÓ di Laura Biagiotti e della figlia Lavinia per l'esordio del circuito dei giornalisti golfisti


ROMA - Come ogni anno, ha tappe importanti il challenge AIGG Diavolina. Questa laziale ne è il debutto, nella consueta due giorni romana, sicuramente considerevole. Oggi siamo al “Marco Simone” a Roma, proseguirà domani al “Terre dei Consoli” nel viterbese, per successivamente far tappa al “Bologna” e a “Le Fonti” in Emilia Romagna, a “Punta Ala” e “Terme di Saturnia” in Toscana, a “Cà della Nave” e “Montecchia” in Veneto, al “Colline del Gavi” e “Villa Carolina” in Piemonte, e a “Bergamo” e “Villa d’Este” in Lombardia. Oltre a questo giro d’Italia, c’è l’Alpen Cup in tre tappe nei GC di Asiago,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il Soccorso alpino invia conduttore e cane da macerie

IL VENETO SI MOBILITA PER IL TERREMOTO IN CENTRO ITALIA

I volontari dell'Ana di Treviso fermati sulla strada per Rieti


VENEZIA - Anche il Veneto si mobilita per portare aiuto alle popolazioni colpite dal terremoto, che nella notte tra martedì e mercoledì ha devastato l'area al confine tra Lazio e Marche, causando, secondo gli ultimi dati, 247 morti: un bilancio che purtroppo non pare ancora definitivo. Distrutti i paesi di Amatrice, Accumuli, Pescara del Tronto e le loro numerose frazioni, oltre 4mila gli sfollati.
Già alle 7 di mattina, su richiesta del Dipartimento nazionale, è decollato per l'area terremotata un elicottero con due unità cinofile. In particolare sono partiti un'unità cinofila da macerie, un medico e due infermieri del Soccorso alpino e speleologico del Veneto. Conduttore e cane giunti a Padova arriveranno a destinazione con un mezzo del Corpo forestale dello Stato. Il personale sanitario sarà invece trasportato dal Reparto volo della Polizia di Stato in decollo da Venezia.
Subito in azione pure la Protezione civile dell'Associazione nazionale Alpini di Treviso: scattata l'allerta alle 5 di mattina, la prima squadra di 24 volontari è partita poco dopo mezzogiorno. Dopo essersi ricongiunti al resto della colonna veneta a Motta di Livenza ed essersi diretti verso il Centro Italia, però, gli addettii sono stati fatti tornare indietro circa all'altezza di Ferrara. Le aree dove avrebbero dovuto allestire le tendopoli per gli sfollati, infatti, non sono ancora state individuate: la zona in gran parte motagnosa, dove si trova l'epicentro del sisma presenta diversi problemi logistici, oltre alla comprensibile volontà degli abitati di non allontanarsi troppo dalle loro case. Le penne nere trevigiane e bellunesi (una quarantina di persone in tutto), dunque, sono in stand-by, in attesa di ricevere indicazioni precise dal Dipartimento nazionale di Protezione civile: i mezzi, rientrati alla base di Motta di Livenza, non sono stati scaricati e gli uomini sono pronti a partire. Con sè le squadre hanno una quindicina di mezzi, tra cui una cucina da campo in grado di fornire un migliaio di pasti al giorno, una sala mensa, bagni di emergenza e diversi quintali di generi alimentari di prima necessità.
Non appena informato del sisma il presidente della Regione, Luca Zaia ha disposto l’invio di una colonna attrezzata della Protezione civile del Veneto per collaborare con la Protezione civile nazionale e le Regioni interessate nel portare soccorso agli abitanti.
“La colonna mobile – informa l’assessore di reparto, Gianpaolo Bottacin – è pronta a partire non appena il coordinamento nazionale ci indicherà la destinazione più utile". Anche la Sanità regionale, tramite il sistema di emergenza-urgenza si è mobilitata, ed ha contattato la Protezione Civile Nazionale dando ampia disponibilità qualora ci fosse la necessità di accogliere pazienti critici negli ospedali veneti.
“Il Veneto – sottolinea Zaia esprimendo il suo dolore per l’accaduto – è terra che ha purtroppo vissuto molte calamità naturali. Possiamo capire fino in fondo i momenti drammatici che si stanno vivendo e siamo vicini alle popolazione colpite e ai Presidenti delle loro Regioni. La Protezione Civile Nazionale può contare su tutto l’aiuto necessario dalla Regione Veneto, in qualsiasi momento e per qualsiasi motivo”.