Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni promuove un incontro tra i soci in un Campo da Golf, con l’intento di far chiarezza su qualcosa di particolare emerso nella stagione. Puntualizzare,e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/144: A DUBAI IL DP WORLD TOUR CHAMPIONSHIP

Vince l'inglese Fitspatrick, ad Henrik Stenson la Race to Dubai


DUBAI - Avevamo lasciato i nostri azzurri sull’European Tour al termine del Turkish Airlines Open, con la speranza che Manassero e Paratore conquistassero in Sud Africa la carta per giocare a Dubai. Paratore ce l’ha fatta, e son contento. Manassero no, e mi dispiace. Restano quindi a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dal 31 agosto al 4 settembre big della musica e nuovi servizi

L'HOME FESTIVAL ALLA CONQUISTA D'EUROPA

Sempre più internazionale la rassegna trevigiana


TREVISO - Un evento sempre più internazionale e con servizi alla pari dei maggiori raduni musicali mondiali. Tutto è pronto per l'edizione 2016 - la numero sette - dell'Home Festival. Da mercoledì 31 agosto (data zero, gratuita, con Aperol Spritz @ Home) fino a domenica 4 settembre Treviso ospiterà una kermesse che grazie agli artisti noti a livello mondiale e alla presenza del camping si è imposta all’attenzione internazionale degli addetti ai lavori. I nomi degli artisti che si esibiranno sui vari palchi in Dogana sono ormai noti: tra i tanti, citiamo Editors, The Prodigy, Martin Garrix, 2Cellos, Benij e Fede. Confermata un’area dove arte e sport regnano assieme ad enogastronomia di qualità, più la novità del quartier generale in centro a Treviso. In queste ultime febbrili ore di lavoro sono stati perfezionati gli ultimi dettagli logistici. Gli ingredienti per confermare il titolo di "miglior festival musicale italiano" ci sono tutti, come anche per migliorare il record di 80mila presenze segnato l'anno scorso. "Ci accontentiamo di farne 80mila più una - sorride il fondatore Amedeo Lombardi -. Quello a cui puntiamo davvero è offrire ai partecipanti un'esperienza sempre più coinvolgente e a 360 gradi".

DA TUTTA EUROPA - La società che organizza l’evento ospiterà gli organizzatori dei festival più importanti (dal Primavera Sound all’Oporto, passando per lo storico Sziget fino all’Eurosonic), agenti di artisti di caratura mondiale, ma anche giornalisti: tutte personalità provenienti da Londra a Parigi, passando per Barcellona, Oporto, Helsinki e Ljubljana (in coda l’elenco completo degli ospiti attesi). I manager dialogheranno tra di loro, si confronteranno su strategie e opportunità. Orgoglioso il fondatore, Amedeo Lombardi: “Siamo emozionati ad accogliere personalità di questo rilievo che gettano le basi per alzare ancora di più l’asticella in vista delle prossime edizioni”, dice. “Nasceranno collaborazioni preziose sia sul fronte artistico che su quello della gestione dei turisti festivalieri”.

L’ANGELO DEI RESIDENTI -  Il capoluogo della Marca Trevigiana si appresta ad accogliere il popolo dell’Hf, un popolo che non ne cambierà le abitudini grazie alla macchina organizzativa messa in moto. Merito di Fabio Barbieri, responsabile dei rapporti di vicinato che sta suonando ai campanelli di tutti i trevigiani chiedendo consigli, è lui “l’angelo dei residenti”, che spiega: “Per ogni segnalazione e per risolvere eventuali disagi sono sempre a disposizione a info@homefestival.eu”.

AREA CHILLOUT – Dopo tre anni di collaborazione col Rotary Treviso all’interno del progetto “Educare per prevenire” che ha portato all’Hf i camper informativi contro l’abuso di alcol e droghe, il presidente Mauro Polo ha deciso di ampliare l’iniziativa finanziando una tensostruttura da duecento metri quadri che sarà adibita a spazio di chillout. “Lavoriamo da anni contro gli eccessi, come con “Canto e ballo senza sballo” in Piazza dei Signori”, spiega. “Quest’anno all’Home Festival, in uno spazio rilassato, con cuscini, informeremo i giovani sui problemi connessi all’etilismo, daremo loro un caffè, permetteremo loro di effettuare l’alcol test per una guida sicura e li faremo riposare prima di tornare a casa. Con noi ci sarà la scuola degli infermieri dell’Usl 9”.

AREE DI SOSTA - Sul fronte parcheggi la novità dell’anno è il mega park nella zona del Mercato ortofrutticolo, che sarà interamente aperto per la manifestazione. In tutto, sono quindi otto le zone parcheggio individuate dall'organizzazione. Partendo da sud, nella zona di Sant'Agnese c'è il park nell'area Alì, che l’organizzazione ringrazia per la disponibilità. C'è poi lo spazio di viale Carnevale in area Aeroporto e si arriva quindi in zona-evento, dove, oltre ad alcuni spazi per lo staff, ci sono le aree per bici e moto. Salendo poi verso nord ecco la zona del Mercato, ma anche il parcheggio ex Enel, l'Appiani e il Panorama. L'organizzazione garantisce bus navetta ogni otto minuti dai park più distanti. Ma ad Hf si potrà arrivare anche con il bus navetta che collega ogni 30 minuti, dalle 9 di mattina alle 21, l'area dell'ex Dogana al quartier generale Sun68 Hub.

CAMPING – In attesa di conoscere i reali afflussi di persone (la società che organizza auspica di migliorare il già storico risultato dello scorso anno, quando ci furono ottanta mila ingressi), c’è già da registrare un successo: le cinquecento tende del camping sono già andate tutte esaurite. In pochi giorni giovani provenienti da tutta Europa hanno comperato tutti gli abbonamenti, rimangono vuote solo poche piazzole che servono last minute all’organizzazione. Di fatto, Treviso diventa la nuova Woodstock italiana dopo un decennio nel quale festival di questo livello, con campeggio, erano spariti. In camping, peraltro, saranno ospitati anche alcuni volontari. Da domenica ne giungeranno dalla Sicilia a Torino, ma alcuni anche dall’estero: uno dei baristi del backstage è di Amsterdam. Per inciso, va detto che alcuni dei main artist hanno chiesto all’organizzazione di soggiornare a Treviso due o tre notti a fini turistici e dunque non è escluso che per le vie del centro si possano vedere le super band internazionali girare, magari con un Aperol Spritz in mano.

Galleria fotograficaGalleria fotografica