Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I dati del Rapporto sull'immigrazione in provincia

NELLA MARCA È BOOM DI NUOVI ITALIANI

Nel 2015 cittadinanza a 6.515 stranieri, più 148%


TREVISO - Diminuisce per il terzo anno consecutivo il numero totale di immigrati residenti nella Marca: a fine 2015, gli stranieri sono 94.397, 4.560 – il 4,6% - in meno rispetto all'anno prima. Non se ne sono andati, almeno non tutti, avverte però il Rapporto sull'immigrazione in provincia di Treviso.
Molti di loro, infatti, sono semplicemente diventati cittadini italiani. Nel 2015 si sono state formalizzate 6.515 acquisizioni di cittadinanza, con un ulteriore boom (più 148%) rispetto al 2014, quando già erano raddoppiate rispetto all'anno precedente.ma nel 2015 si registra un boom di neo-cittadini italiani. Tale processo – spiegano gli autori del dossier - influisce sia sulla diminuzione degli stranieri residenti totali, sia sulla diminuzione di nati e di minori, facendoli “uscire” dalle statistiche relative ai residenti di cittadinanza non italiana. D'altra parte, ribadiscono i curatori, non sempre il conseguimento la cittadinanza equivale a fermarsi sul territorio: per molti, l'aver ottenuto il passaporto significa la possibilità di potersi spostare con più facilità in altri paesi europei, alla ricerca di un lavoro migliore.
Sono 145 le nazionalità presenti in provincia. La più numerosa è quella romena (20.144 residenti), seguita da marocchini ed albanesi Rispetto al 2014, fra i primi dieci gruppi nazionali, crescono leggermente solo i cinesi (più 0,5%, pari a 45 persone) e gli ucraini (1,7%, 62 individui), mentre calano tutti gli altri.
Riguardo all'occupazione, dei circa 7mila nuovi posti di lavoro generati nel 2015 grazie anche alle nuove normative come Jobs Act ed incentivi, poco più di 1.800 sono andati a non italiani.
Nonostante aumenti l'età media e freni la natalità, la comunità immigrata è ancora largamente più giovane di quella italiana: il 24,4% del totale degli stranieri ha meno di 18 anni. In questo senso, secondo i promotori del report, l'immigrazione rappresenta comunque un'opportunità di controbilanciare l'invecchiamento della popolazione e i conseguenti problemi di sostenibilità del sistema pensionistico e di welfare.
Il Rapporto sull'immigrazione è giunto alla 13esima edizione ed è elaborato da Anolf Cisl, Caritas, Migrantes e cooperativa La Esse, con la collaborazione di Veneto Lavoro.

Galleria fotograficaGalleria fotografica