Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitą coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dal 3 al 19 settembre ospita la mostra fotografica di Riccardo Minute

KAWAH IJEN - ANIME DI ZOLFO, ALLO SPAZIO PARAGGI

Il volto nascosto dei minatori raccontato attraverso le fotografie


TREVISO- Il veneziano Riccardo Minute da sempre usa la sua grande passione per la fotografia non per immortalare un momento o per imprigionare nello spazio di una cornice un paesaggio, bensì per “liberare” tutti i sensi dello spettatore, non solo la vista, obbligandolo a porsi delle domande.
L'oggetto della sua mostra questa volta è il lavoro quotidiano che svolge il minatore nell'arcipelago indonesiano. “Lavoriamo all’inferno” raccontano i minatori “I nostri occhi e polmoni bruciano tutto il giorno, ma non c’è niente che possiamo fare, senza questo lavoro non possiamo mangiare, non possiamo far vivere le nostre famiglie, non possiamo mandare i nostri figli a studiare. Facciamo questo lavoro perché non vogliamo che un giorno i nostri figli siano costretti a farlo anche loro”.
L'arcipelago Indonesiano contiene 129 vulcani attivi, pari al 13% dei vulcani attivi del mondo. Nella parte sud-orientale dell'isola di Java esiste un enorme caldera formata da una massiccia eruzione vulcanica avvenuta durante il Pleistocene. Qui ogni giorno circa 200 minatori partono dal campo base ai piedi del vulcano e dopo più di due ore di cammino arrivano in cima alla montagna e discendono le pareti del cratere lungo il ripido sentiero con ai piedi solo delle ciabatte o, se più fortunati, degli stivali di gomma. Senza alcuna protezione spezzano le formazioni di zolfo, le caricano sulle spalle con dei cesti di vimini per un peso che può arrivare fino al doppio del loro peso corporeo e le trasportano fino alla stazione di consegna che pesa il materiale. La maggior parte dei minatori fa questo viaggio due volte al giorno per uno stipendio che permette a malapena di sopravvivere, pochi centesimi per ogni chilo di zolfo, riducendo la loro aspettativa di vita a poco più di 50 anni.
Sarà Spazio Paraggi, in Via Pescatori 23, Treviso, ad ospitare la mostra fotografica “Kawah Ijen – Anime di Zolfo” di Riccardo Minute, che verrà inaugurata sabato 3 settembre alle ore 18. Poi visitabile fino al 19 settembre.

Galleria fotograficaGalleria fotografica