Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dal 3 al 19 settembre ospita la mostra fotografica di Riccardo Minute

KAWAH IJEN - ANIME DI ZOLFO, ALLO SPAZIO PARAGGI

Il volto nascosto dei minatori raccontato attraverso le fotografie


TREVISO- Il veneziano Riccardo Minute da sempre usa la sua grande passione per la fotografia non per immortalare un momento o per imprigionare nello spazio di una cornice un paesaggio, bensì per “liberare” tutti i sensi dello spettatore, non solo la vista, obbligandolo a porsi delle domande.
L'oggetto della sua mostra questa volta è il lavoro quotidiano che svolge il minatore nell'arcipelago indonesiano. “Lavoriamo all’inferno” raccontano i minatori “I nostri occhi e polmoni bruciano tutto il giorno, ma non c’è niente che possiamo fare, senza questo lavoro non possiamo mangiare, non possiamo far vivere le nostre famiglie, non possiamo mandare i nostri figli a studiare. Facciamo questo lavoro perché non vogliamo che un giorno i nostri figli siano costretti a farlo anche loro”.
L'arcipelago Indonesiano contiene 129 vulcani attivi, pari al 13% dei vulcani attivi del mondo. Nella parte sud-orientale dell'isola di Java esiste un enorme caldera formata da una massiccia eruzione vulcanica avvenuta durante il Pleistocene. Qui ogni giorno circa 200 minatori partono dal campo base ai piedi del vulcano e dopo più di due ore di cammino arrivano in cima alla montagna e discendono le pareti del cratere lungo il ripido sentiero con ai piedi solo delle ciabatte o, se più fortunati, degli stivali di gomma. Senza alcuna protezione spezzano le formazioni di zolfo, le caricano sulle spalle con dei cesti di vimini per un peso che può arrivare fino al doppio del loro peso corporeo e le trasportano fino alla stazione di consegna che pesa il materiale. La maggior parte dei minatori fa questo viaggio due volte al giorno per uno stipendio che permette a malapena di sopravvivere, pochi centesimi per ogni chilo di zolfo, riducendo la loro aspettativa di vita a poco più di 50 anni.
Sarà Spazio Paraggi, in Via Pescatori 23, Treviso, ad ospitare la mostra fotografica “Kawah Ijen – Anime di Zolfo” di Riccardo Minute, che verrà inaugurata sabato 3 settembre alle ore 18. Poi visitabile fino al 19 settembre.

Galleria fotograficaGalleria fotografica