Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitą coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tra le vittime il presidente e il vice dell'AeroClub della Marca

PIPER DECOLLATO DA TREVISO SI SCHIANTA IN MACEDONIA

Morti tutti e sei gli occupanti: quattro trevigiani


TREVISO - Un piccolo aereo partito da Treviso è precipitato schiantandosi al suolo nel pomeriggio di martedì, nella regione di Veles, non lontano da Skopje, la capitale della Macedonia. Tutte morte le sei persone a bordo. Tra loro quattro trevigiani: Francesco Montagner, ex pilota di linea e presidente dell'AeroClub Treviso, Dario Bastasin, vicepresidente della stessa associazione, Luca Dalle Mule, imprenditore di Povegliano e Ilaria Berti. Deceduti anche il padovano Angelo Callegari e Visar Degaj, manager di origini kosovare con cittadinanza italiana, residente ad Udine
Secondo quanto riferito dalle autorità macedoni, il velivolo commerciale, un Piper Pa 34 200T Seneca, intestato all'AeroClub trevigiano e registrato in Germania, era decollato verso le 14.00 dalla pista di Treviso ed avrebbe dovuto atterrare a Pristina, in Kosovo: poco dopo le 17 è sparito dal radar dell'aeroporto Alessandro Magno di Skopje, dove avrebbe dovuto effettuare uno scalo tecnico per fare rifornimento. Mezz'ora dopo sono arrivate le prime segnalazioni dello schianto, localizzato nei pressi del villaggio di Kohzle, nella municipalità di Veles, area montuosa della Macedonia centrale, una ventina di chilometri a sud della capitale. Nell'impatto il piccolo aereo si è incendiato: a lanciare l'allarme sono stati gli abitanti della zona, che hanno telefonato all'aeroporto (non distante) dopo aver udito il boato e visto le fiamme. Poco prima il bimotore a turboelica aveva, come da procedura, richiesto alla torre di controllo l'autorizzazione all'atterraggio ed iniziato le manovre, senza segnalare alcun guasto tecnico o difficoltà. Le condizioni meteo, sull'area, comunque, erano avverse, con pioggia, vento forte e scarsa visibilità. I soccorsi sono stati subito attivati, ma per gli occupanti non c'era più nulla da fare.
Pilota e passeggeri del piper, abitualmente noleggiato ai soci dell'aeroclub, erano diretti in Kosovo per partecipare all'inaugurazione di un campo di volo. Dalla Marca, nella stessa giornata, con la medesima destinazione erano partiti altri tre voli, tutti fortunatamente giunti alla meta senza problemi.